“Sua figlia è malformata, dovrebbe abortire”/ E invece compie 3 anni: i genitori, “ci insegna a non mollare”

- Paolo Vites

Il caso di una bambina nata deforme con numerosi problemi fisici che i medici consigliavano di abortire, tanto sarebbe morta subito. Invece ha festeggiato il terzo compleanno

bambina-deforme-fb
Helianny con i genitori, foto da Facebook

Non solo la difficoltà di accudire una figlia con gravissimi deficit fisici e mentali, ma anche i commenti dei dottori e della gente: “è talmente brutta che avreste fatto meglio ad abortirla”. E’ quanto si sentono dire spesso i genitori di Helianny, una bambina venezuelana, nata con numerosi problemi fisici e deformazione del cranio. I dottori avevano insistito con la madre Soleannys Lugo, 34 anni, che l’abortisse: “se sopravviverà sarà un vegetale per tutta la vita” le dissero. Non c’è stato verso per la coppia di genitori di dar retta ai medici: “Sono convinta che Helianny è venuta al mondo per insegnarci a non arrenderci, per smettere di lamentarci delle cose inutili, per vivere giorno per giorno, ed essere grati di quello che abbiamo” dice la madre.

“SUA FIGLIA È MALFORMATA, DOVREBBE ABORTIRE”

Non doveva sopravvivere alla nascita sempre secondo i dottori, ma la bambina ha appena compiuto 3 anni. Prima della nascita i medici si erano accorti che la bambina soffriva di idrocefalia, accumulazione di liquido all’interno del cervello, numerose deformazioni al cervello, agli occhi, al naso, alla bocca, ai piedi e alle dita delle mani. “Anche se ci dissero che sarebbe stata un vegetale, ho deciso di darle la possibilità di vivere, l’amavo con la mia anima e il mio cuore” dice la madre. Tanta gente sta loro vicino, ma, dice ancora la donna, “c’è anche una minoranza di persone che mi attacca, dice che sono stata una irresponsabile per aver continuato la gravidanza. Dicono che non ho pensato al suo futuro, a cosa succederà quando io e mio marito non saremo più vivi”. Ma tutto questo non basta a fermare l’amore gratuito che questi genitori hanno per la loro piccola.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori