Sanremo, ubriaco investe due 18enni/ La lite per una ragazza poi è salito in macchina e li ha schiacciati

Sanremo, ubriaco investe due 18enni: la lite per una ragazza poi è salito in macchina e li ha schiacciati. Si è sfiorato la tragedia nella notte di ieri sul lungomare sanremese

cosca_arena_ndrangheta_polizia_migranti_calabria_cs_2017
Camorra, l'impero dei Casalesi in Transilvania

E’ salito in auto e l’ha usata come arma per investire due ragazzi. E’ successo la notte scorsa a Sanremo, precisamente sul lungomare Vespucci, vicino al McDonald locale. A compiere questo folle gesto, un trentenne italiano nei confronti di due ragazzi 18enni, un connazionale e un tedesco. Quando è stato fermato dalla polizia il conducente del veicolo ha spiegato di aver investito i due giovani per via di una ragazza. Pare che prima del fattaccio il trentenne abbia fatto degli apprezzamenti di troppo ad un’amica dei due 18enni, e che in seguito sia nata una rissa. Ad un certo punto il più grande dei tre è salito in macchina infuriato ed ha deciso di investire i due malcapitati. Il fermato abita nell’entroterra sanremese, e non ha tentato di giustificarsi una volta interrogato dalle forze dell’ordine.

DENUNCIATO PER TENTATO OMICIDIO

Come sottolineato dal portale ligure Riviera24.it, una volta giunti sul posto i poliziotti hanno trovato i due ragazzi riversi a terra in una pozza di sangue; in seguito hanno intervistato i testimoni che hanno assistito alla scena, ed è quindi scattata la caccia all’uomo, ritrovato poco dopo in evidente stato di ebbrezza. I due ragazzi investiti sono stati prontamente soccorsi dal personale del 118 giunto sul posto, e attualmente sono ricoverati presso l’ospedale vicino con vari traumi, ma non sarebbero in pericolo di vita. L’investitore era già conosciuto alle forze dell’ordine per piccoli reati, è stato denunciato per tentato omicidio aggravato e guida in stato di ebbrezza. Il parabrezza della sua auto era completamente distrutto, e nella parte anteriore del mezzo era evidente una vistosa ammaccatura.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori