Omicidio Alessandro Neri, donna strappa poster a Pescara/ Video, conosceva la vittima? La madre “cercatela”

- Emanuela Longo

Omicidio Alessandro Neri: una sconosciuta filmata in centro a Pescara mentre strappa poster con il volto del giovane ucciso. La madre della vittima lancia un appello: chi è?

alessandro_neri_facebook
Alessandro Neri

La morte di Alessandro Neri, il giovane 28enne di Spoltore ucciso lo scorso 5 marzo con due colpi di arma da fuoco e ritrovato solo alcuni giorni più tardi alla periferia sud di Pescara resta un mistero. Da alcune ore però, al caso sul quale sono in corso le indagini si è aggiunto un altro giallo inquietante. Una ragazza misteriosa, filmata in pieno giorno a Pescara, avrebbe staccato senza motivo i manifesti che tappezzano la città e nei quali viene chiesta a gran voce “Verità per Ale”. Il video in questione è stato diffuso tramite Facebook dalla madre del giovane, Laura Lamaletto, che da mesi chiede sia fatta chiarezza su questa morte assurda. Nel filmato, una giovane strappa senza ragione il poster mentre nell’altra mano ha i resti di un secondo manifetso, a riprova di aver già commesso la stessa azione in un altro punto del capoluogo abruzzese. “Dio fai che piova la verità su questa città! Perché hai strappato DUE poster di Ale?! Ne hai uno in mano!!!”Perché lo hai fatto, Ale è morto”, si domanda la madre di Alessandro Neri senza tuttavia trovare alcuna risposta. Poi, rivolgendosi direttamente alla città di Pescara lancia un appello: “cercate questa donna e consegnamola ai carabinieri, quantomeno per interrogarla”. In un secondo video postato sul social dalla madre di Neri, la stessa donna documenta come una parte della città, in realtà, è come lei a caccia della verità sulla morte del figlio. La dimostrazione arriva dal fatto che i manifesti affissi in diversi punti della città siano ancora intatti. CLICCA QUI PER VEDERE IL VIDEO

LE INDAGINI E LA PISTA PASSIONALE

Il giallo della misteriosa donna che strappa i manifesti è solo l’ennesimo punto oscuro della vicenda relativa alla morte di Alessandro Neri, il 28enne ucciso in circostanze misteriosa quasi quattro mesi fa. L’ultima novità emersa, come spiega Fanpage, ha a che fare con un importante ritrovamento sugli indumenti della giovane vittima. Si tratta di un Dna femminile rinvenuto sui vestiti indossati da Alessandro il giorno in cui è stato ucciso ed emerso dopo il lungo lavoro dei Ris. Questo nuovo elemento ha rappresentato una svolta importante nella morte di Alessandro Neri in quanto ha portato gli inquirenti a concentrare la loro attenzione in particolare sulla pista femminile e quindi passionale. Da qui i nuovi interrogatori alle amiche del giovane e alle sue conoscenze femminili. il dubbio è che a sparare contro Alessandro possa essere stata proprio una persona coinvolta sentimentalmente con lui. Inizialmente era stata portata avanti con una certa insistenza la pista familiare che sembrava voler coinvolgere nel giallo proprio la famiglia Lamaletto, tesi che al momento sarebbe stata archiviata.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori