Ravenna, minacce di morte su Facebook a magistrati/ “Sarete ammazzati come bestie”: scattano le ricerche

Ravenna, minacce di morte su Facebook a magistrati: ultime notizie, “sarete ammazzati come bestie”, scattano immediate verifiche per risalire all’autore

processo_aula_tribunale_legge_giudici_carabinieri_lapresse_2017
Tribunale (Foto: LaPresse)

Ravenna, minacce di morte su Facebook a magistrati: scattano immediatamente le ricerche per risalire all’autore. Come riportato dai nostri colleghi dell’Ansa, la vicenda riguarda alcuni magistrati in servizio a Ravenna ma anche il procuratore capo Alessandro Mancini e il presidente del Tribunale di Ravenna Roberto Sereni Lucarelli. Le minacce provengono dal profilo Facebook di tal “Antony Marino”, che le forze dell’ordine stanno cercando di rintracciare attraverso degli accertamenti così da assicurare alla giustizia il malvivente. Il messaggio incriminato risale a qualche settimana fa ed è stato segnalato agli inquirenti: pubblicata una foto del Procuratore capo della Repubblica di Ravenna e la didascalia chiamava in causa una brutale morte per lui ma non solo, vista anche la citazione del presidente dell’Abi (Associazione Bancaria Italiana) e della Cassa di Ravenna S.p.A., capogruppo dell’omonimo gruppo bancario Antonio Patuelli.

RAVENNA, MINACCE DI MORTE SU FACEBOOK A MAGISTRATI

Dopo la segnalazione del messaggio è scattato l’allarme, con il messaggio che contiene inoltre dei riferimenti a magistrati requirenti, giudicanti e onorari comprese toghe onorarie, Gip e Gdp, “con tanto di date e luoghi di nascita, alcuni numeri di telefono e vari epiteti” sottolinea l’Ansa. Questa parte del messaggio incriminato: “sarete ammazzati come le bestie che siete e per abbatterne uno di voi sono disposto a farne cadere centinaia, tutti quelli che in quel momento si troveranno vicino a voi anche se innocenti non mi sfuggirete. La corsa per voi è finita con me siete arrivati a capolinea”. Come già sottolineato, le forze dell’ordine sono al lavoro per rintracciare l’autore delle minacce, con Il Resto del Carlino che sottolinea che non è da escludere che il profilo in questione possa venire oscurato dal team di sicurezza informatica.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori