Napoli, auto precipita a Posillipo/ 4 giovani feriti, gravi Aurora e Rossella: volo di 21 metri, strada chiusa

Napoli, auto precipita a Posillipo: 4 giovani feriti, due sono gravi: forse l’alta velocità alla base del volo dell’automobile. Le forze dell’ordine stanno cercando di ricostruire l’accaduto

incidente_stradale_triangolo_pixabay_2017
Pesaro, esce e si imbatte nell'incidente mortale del figlio (Pixabay)

Mentre al momento non ci sono nuovi aggiornamenti per quanto riguarda le quattro giovani persone ferite nell’incidente avvenuto attorno alle 6.30 di oggi a Posillipo, ricoverate presso l’Ospedale Fatenebefratelli di Napoli, emergono novi dettagli a proposito della dinamica: infatti, l’auto su cui viaggiavano, complice probabilmente anche l’alta velocità, ha sfondato la ringhiera di un Belvedere e, dopo un volo di quasi 21 metri, è atterrata schiantandosi nel sottostante giardino di Villa Rossi, un parco privato. Secondo quanto emerso dai primi rilievi degli uomini delle forze dell’ordine, potrebbero essere stati proprio gli alberi sottostanti ad aver attutito l’impatto e ad aver salvato per ora la vita dei quattro ragazzi, due dei quali (le ragazze) sono però ricoverate in gravi condizioni. Inoltre, per via delle operazioni di recupero della vettura, è stata fatta intervenire un gru e per questo motivo la strada, molto trafficata, è stata temporaneamente interdetta al passaggio di altre vetture. (agg. di R. G. Flore)

NON E’ LA PRIMA VOLTA CHE SI VERIFICANO EPISODI SIMILI

Sono Aurora, intubata al Fatebenefratelli di Napoli, ma soprattutto Rossella, le due ragazze le cui condizioni destano maggiore preoccupazione in seguito all’incidente verificatosi alle 6:30 di questa mattina a Posillipo, dove un’auto ha divelto le barriere stradali precipitando al termine di un volo di 21 metri nella sottostante villa Russo. Come riportato da Il Mattino, non è la prima volta che si verificano episodi simili: nel 2011, al curvone di Via Petrarca, 4 ragazzi morti; nel novembre 2017 in via Orazio/piazzale chiesa di San Antonio, due ragazzi feriti; nel marzo 2018, in Petrarca/villa Doria d’Angri, un ferito. E nel mirino finiscono allora le ringhiere, che Il Mattino definisce ricoperte di ruggine e costrette a fare i conti con le erbacce che con le loro radici ne indeboliscono la base. Tutto avviene, secondo il giornale partenopeo, in un contesto di assente manutenzione e incuria generale. (agg. di Dario D’Angelo)

NAPOLI, INCIDENTE A POSILLIPO

Incidente spettacolare e fortunatamente senza morti, avvenuto nelle scorse ore a Napoli. In via Posillipo, come riportato da vari organi di informazione, a cominciare dall’agenzia Ansa, un’automobile con a bordo 4 giovani è precipitata per 21 metri, cadendo praticamente dentro una villa. Come detto sopra, non ci sono vittime, ma due degli occupanti della stessa auto sarebbero in gravi condizioni. Stando ad una prima ricostruzione effettuata dalle forze dell’ordine, l’auto, sui cui viaggiavano due ragazzi e due donne, stava percorrendo la via dell’incidente quando, per cause ancora da accertare, ha invaso l’altra corsia, scontrandosi con la balaustra: quest’ultima non ha però retto l’impatto con l’automobile che è quindi precipitata di sotto.

FORSE L’ALTA VELOCITA’ FRA LE CAUSE

Subito sono stati allertati i soccorsi, che hanno ricoverato due giovani presso l’ospedale Cardarelli di Napoli, e altri due invece al Fatebenfratelli. L’incidente è avvenuto questa mattina presto, attorno alle ore 6:30, e non è da escludere che si sia trattato di un colpo di sonno, visto appunto l’orario. Probabile anche un guasto meccanico o l’alta velocità. Il capitano Antonio Muriano, a riguardo, ha parlato così dell’incidente: «L’auto percorrendo via Posillipo in salita, quando dopo il civico 290, all’altezza della curva, evidentemente anche per la velocità, che noi adesso appureremo, ha invaso l’altra corsia, ha sbattuto sulla balaustra, abbattendola, ed è caduta giù facendo un volo di 21 metri, ed ha terminato la sua corsa all’interno del giardino di proprietà privata esistente giù».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori