Napoli, spari durante un comizio elettorale del centro destra/ Ferrillo: “Come in un film di Camorra”

Napoli, spari durante un comizio elettorale del centro destra. Angelo Ferrillo: “Come in un film di Camorra”. Il tutto è avvenuto in pubblico, davanti a molte persone, nella giornata di ieri

polizia_2018_pixabay
Genova, allarme bomba: tribunale evacuato - Pixabay

Nuovo episodio di delinquenza registrato a Napoli nelle scorse ore. Come sottolineato dai colleghi dell’edizione online di TgCom24, nella giornata di ieri sono stati sparati dei colpi di pistola in mezzo alla gente. Il tutto sarebbe avvenuto nell’hinterland del capoluogo campano, durante un comizio del candidato sindaco di centrodestra, Raffaele De Leonardis. Il politico aveva da poco preso la parola quando due centauri sono giunti nella piazza dove si stava svolgendo la manifestazione, e uno di questi ha estratto l’arma iniziando a sparare. Paura e terrore fra le persone presenti, compreso il coordinatore della lista “Mai più terra dei fuochi”, Angelo Ferrillo, ex esponente del Movimento Cinque Stelle.

IL RACCONTO DI TERRORE DI FERRILLO

Ferrillo ha raccontato l’episodio al quotidiano La Repubblica, svelando appunto l’arrivo in piazza di due personaggi su una Transalp nera, con un casco integrale in testa: «Ero a pochissima distanza dal retropalco – spiega – in pochi istanti ho visto scorrere sotto i miei occhi un film di camorra. Due uomini su una Transalp, uno ha tirato fuori la pistola e sparava mentre erano in corsa. A un certo punto ho visto che puntavano qualcosa, mi sono sentito sotto tiro, poi ho sentito altri spari». Ferrillo pensava inizialmente che le pistole fossero a salve: «Ma poi ho visto le ogive – ha aggiunto – i carabinieri hanno riscontrato i fori in alcune auto, una scena pazzesca, assurda. Non è possibile dover fronteggiare tutto questo». Fortunatamente non si sono registrati feriti, ma resta solo da capire se tale scelta sia stata voluta o meno dai due malviventi, e soprattutto, il messaggio intimidatorio a chi era indirizzato?



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori