Druento, incendio al capannone Cidiu: rifiuti in fiamme/ Ultime notizie, video: attesa per rilevazioni Arpa

- Silvana Palazzo

Druento, incendio al capannone Cidiu: rifiuti in fiamme, video. Ultime notizie: attesa per rilevazioni Arpa, oggi è previsto sopralluogo. I carabinieri indagano sulle cause del rogo

incendio_druento_facebook
Druento, incendio al capannone Cidiu

La situazione è tornata sotto controllo solo all’alba all’ex Cidiu Servizi di strada Cassagna, a Druento, dove ieri è divampato un incendio. Le operazioni da parte delle otto squadre dei vigili del fuoco si sono concluse solo nel primo mattino di oggi, anche grazie alla collaborazione della Croce Rossa e della Protezione civile di Druento, che hanno aiutato, e non poco, i pompieri. In fiamme l’area di stoccaggio di rifiuti ingombranti, in particolare legno, materassi e imballaggi in plastica. Ieri sera i tecnici dell’Arpa (Agenzia regionale per la protezione ambientale) si sono recati sul posto alle 21.30 circa per accertare eventuali problemi per l’ambiente. Questa mattina, come riportato da Quotidinario Venaria, effettueranno un nuovo sopralluogo con i tecnici di Cidiu Servizi e pompieri per stabilire se la struttura possa essere dichiarata agibile o se sia invece necessario chiuderla per effettuare lavori di bonifica e messa in sicurezza.

DRUENTO, INCENDIO AL CAPANNONE CIDIU: RIFIUTI IN FIAMME

L’incendio nell’ex Punto Ambientale di Druento è scoppiato nella prima serata di ieri, poi è durato per tutta la notte. Una colonna di fumo nero si è alzata per la combustione in particolare di materiale plastico ed è stata visibile a chilometri di distanza. Nessun pericolo per fortuna per i residenti. I vigili del fioco hanno lavorato a lungo e il rogo si è definitivamente spento solo all’alba. Ora bisognerà accertarne le cause. Sul posto a tal proposito sono intervenuti anche polizia locale di Druento e Pianezza, la polizia di Stato e i carabinieri della compagnia di Venaria Reale, a cui competono le indagini sull’incendio. Nel marzo scorso due incendi avevano riguardato stabilimenti legati allo stoccaggio di rifiuti. Prima a Collegno, dove erano andati a fuoco i rifiuti in attesa di essere smaltiti, presenti all’intervento del deposito di Amiat di via Venaria, poi la ditta Omnia Recuperi di strada Signagatta a Pianezza, dove invece era stoccato materiale plastico.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori