Ultime notizie/ Di oggi, ultim’ora: migranti, Conte smentisce Macron (30 giugno 2018)

Ultime notizie di oggi, ultim’ora: caos sull’accordo dell’Eurogruppo. Ennesimo naufragio nel Mar Mediterraneo.Torna il Mondiale con le prime due gare degli ottavi. (30 giugno 2018).

30.06.2018 - Matteo Fantozzi
centinaio_salvini_giorgetti_consultazioni_lapresse_2018
Matteo Salvini (LaPresse)

Un vero e proprio caos quello che sta venendo fuori dopo l’accordo, per la verità molto fragile, raggiunto dopo una maratona diplomatica di oltre 13 ore. Il presidente francese Macron prima del secondo incontro dei 28 ha gelato il nostro premier Conte, affermando che la questione accoglienza “riguarda” solamente gli stati rivieraschi, Italia in testa. Quanto affermato dal presidente francese è in netto contrasto con quanto detto dal nostro premier, che all’uscita della riunione aveva dichiarato che la questione interessava tutta Europa. Le affermazioni di Macron hanno indispettito Conte che a stretto giro di posta ha smentito seccamente quanto detto dal capo dell’Eliseo. Quello che è certo che dall’accordo manca la redistribuzione obbligatoria tanto voluta da Salvini, è infatti presente un vago accenno alla “redistribuzione su base volontaria”.

ENNESIMO NAUFRAGIO NEL MAR MEDITERRANEO

Almeno cento dispersi e tre bambini tra le vittime accertate, questo il gravissimo bilancio dell’ennesima tragedia del mare. A ribaltarsi è stato il solito gommone partito dalla Libia, gommone che non ha retto neppure poche miglia prima di inabissarsi tra i flutti. Le motovedette libiche, accorse con il solito ritardo, hanno tratto in salvo sedici superstiti, per gli altri la speranza è tramontata con l’arrivo del maltempo. In zona stazionano altri tre gommoni, essi monitorati dalla guardia costiera libica, non vengono per il momento aiutati. Il naufragio arriva nel giorno in cui il ministro dell’Interno Salvini annuncia la chiusura dei porti italiani per tutta l’estate alle imbarcazioni appartenenti alle ONG.

MORTO SUICIDA BRUNO BINASCO

Si è ucciso nella sua casa Bruno Binasco, il manager che con la sue affermazioni contribui a far decollare nel 1992 l’inchiesta conosciuta come Mani Puliti. Binasco aveva 73 anni, il suo corpo è stato trovato dai carabinieri di Tortona messi in allarme dalla moglie. Il manager aveva guadagnato la notorietà allorquando aveva indicato in Primo Greganti il collettore delle tangenti pagati dagli imprenditori ai partiti politici. I militari durante la perquisizione susseguente al ritrovamento del cadavere hanno trovato due lettere di Binasco, nelle missive l’uomo chiede scusa ai familiari per il gesto, giustificandolo con presunti problemi finanziari. La titolare dell’inchiesta, la dottoressa Marcella Bosco, ha disposto l’esame autoptico sulla salma.

MONDIALE 2018, OGGI SI PARTE CON GLI OTTAVI DI FINALE

Dopo una giornata di stop si torna in campo per i Mondiali 2018 con le prime due partite valide per gli ottavi di finale. Sale subito la tensione con il primo match che è una finale anticipata. Alle ore 16.00 infatti si gioca la gara Francia-Argentina tra due squadre che fino a questo momento hanno deluso per motivi diversi. I transalpini hanno centrato i risultato, ma non hanno convinto nel gioco con le stelle Paul Pogba e Antoine Griezmann lontani dai loro valori massimi di forma. Dall’altra parte invece l’albiceleste è stata salvata da un gol di Marcus Rojo alla fine della gara contro la Nigeria, che ha evitato quella che sarebbe stata un’eliminazione clamorosa per Sampaoli, Messi e compagni. Stasera invece si disputa la gara altrettanto esaltante Uruguay-Portogallo tra due nazionali che fino a questo momento hanno fatto vedere molte belle cose. La Seleccion è stata infallibile, cinica e con una difesa ermetica senza contare anche una discreta dose di fortuna. I lusitani hanno rischiato qualcosa di troppo contro l’Iran, ma hanno un Cristiano Ronaldo in grande forma a prescindere dal rigore sbagliato proprio nell’ultimo match giocato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori