NOVARA, INFARTO PER AUTISTA CARRO FUNEBRE: INVESTE E UCCIDE RAGAZZA/ Ultime notizie: Galliate sotto shock

- Niccolò Magnani

Carro funebre sbanda dopo malore dell’autista e travolge una ragazza a Galliate, Novara: ultime notizie, morto sia l’autista che la donna a bordo strada durante il suo jogging

ambulanza_lapresse_2017
Ambulanza (LaPresse)

La tragedia di Galliate, provincia di Novara, ha lasciato sotto shock la cittadina piemontese. Questa mattina, verso le ore 10.00, l’autista di un carro funebre Filippo Galli è stato colto da un infarto mentre era alla gudia e, sbandando, ha travolto ed ucciso una ragazza di 24 anni, Alice Ingrassia, mentre stava facendo jogging. Sul posto sono intervenuti subito i sanitari del 118 e della Croce Rossa, ma purtroppo per la giovane non c’è stato nulla da fare: troppo violento l’impatto con il mezzo. La polizia locale, insieme ai carabinieri del posto, stanno indagando sulla dinamica e, secondo quanto sottolineato da Novara Today, il cinquantunenne Filippo Galli sarebbe deceduto prima del fatale incidente. L’uomo poco prima era all’hospice di Galliate per trasportare un salma a un funerale a Castellazzo Novarese. (Aggiornamento di Massimo Balsamo)

SGOMENTO SUI SOCIAL

Un destino beffardo. Una tragedia che ha investito diversi nuclei familiari e lasciato sbigottiti tutta la popolazione di Galliate, dove questa mattina il conducente di un carro funebre ha perso il controllo del mezzo a causa di un infarto e investito – uccidendola – una ragazza che stava facendo jogging. La notizia ha fatto in breve tempo il giro del web e anche sui social questo avvenimento ha provocato diverse reazioni. Navigando su Twitter sono tanti gli utenti che esprimono un sentimento di sgomento per quanto si è incredibilmente materializzato: “Assurdo”, “Non ci posso credere”, “Pazzesco”. Commenti del genere se ne trovano a decine. Certamente si trovano anche i soliti internauti che non perdono occasione per mettere in mostra scarsa sensibilità e humour nero con commenti del tipo:”Il colmo essere uccisi da un carro funebre”. (agg. di Dario D’Angelo)

SCONCERTO A GALLIATE

Sconcerto a Galliate per la tragedia avvenuta questa mattina, quando un conducente di un carro funebre per un infarto ha perso il controllo del mezzo investendo una ragazza che stava facendo jogging. Un terribile incidente che è costato la vita alla giovane e all’autista, che non si è ripreso dal malore. Il dramma si è consumato in via Varallino. Il carro funebre aveva appena lasciato l’obitorio dell’ospedale di Galliate, dove si era recato per prendere una salma. Come riportato dal Corriere di Novara, stava percorrendo via Albero quando il mezzo ha cominciato ad accelerare. Il carro funebre si è schiantato contro uno dei paracarri della chiesetta di Sant’Onofrio prendendo il volo e piombando quindi in via Varallino, dove ha travolto la ragazza che stava facendo jogging. Poi ha proseguito la sua corsa abbattendo il muro di recinzione di un’abitazione e due grossi alberi di ciliegio. Inutili i soccorsi, allertati dai passanti che hanno assistito atterriti alla scena. Sul posto sono intervenuti anche i vigili del fuoco di Novara per estrarre il conducente dalle lamiere del carro funebre. (agg. di Silvana Palazzo)

UNA TRAGICA FATALITÀ

Un vero e proprio scherzo del destino quanto accaduto quest’oggi a Galliate, provincia di Novara. Un uomo di 51 anni originario di Biandrate, comune della zona, era alla guida di un carro funebre quando ha avuto un malore, molto probabilmente un infarto. A quel punto ha perso il controllo del proprio mezzo, investendo una giovane ragazza di 24 anni, Alice Alessandra Ingrassia, che in quel momento stava correndo in strada facendo jogging. Niente da fare per la donna, che è morta sul colpo dopo le gravi ferite ricevute. Morto anche l’uomo di 51 anni, deceduto dopo il malore. L’incidente è avvenuto attorno all’ora di mezzogiorno in via Varallino, e sull’auto viaggiavano anche i parenti del defunto, che fortunatamente sono rimasti illesi. Le forze dell’ordine stanno cercando di ricostruire nel dettaglio l’accaduto, anche se la dinamica dei fatti, anche tramite la presenza dei testimoni, sembra ormai appurata. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

UNA TRAGICA FATALITA’

A volte è difficile dare notizie del genere: quando un caso di cronaca drammatica si unisce ad un livello di “sfortuna” e destino “beffardo” come avvenuto a Galliate (Novara) questa mattina. Un carro funebre sta percorrendo attorno alle ore 10 la Via Varallino a Galliate: l’autista stava portando una salma a Castellano Novarese dopo probabilmente un funerale (o anche prima, la dinamica non è chiarissima), visto che aveva dietro di sé l’intero corteo funebre con le auto dei parenti della vittima. A quel punto però accade l’imponderabile: l’autista del carro funebre ha avuto un malore e di colpo ha perso il controllo del mezzo travolgendo tragicamente una ragazza che stava facendo jogging sul bordo della strada lì affianco. È morta sul colpo la povera sventurata e ancora non si sa chi possa essere visto che addosso non aveva documenti dato che stava svolgendo la sua normale oretta di corsa mattutina.

CARRO POI SI SCHIANTA CONTRO UN ALBERO

Purtroppo la giovane era sulla traiettoria del mezzo rimasto fuori controllo e non è riuscita a salvarsi dopo che il carro funebre si è diretto proprio contro di lei: la doppia tragedia nella notizia giunta poco dopo, visto che anche l’autista in servizio del carro funebre è morto deceduto per l’infarto giunto mentre stava guidando. La corsa del mezzo, davanti allo choc del corteo che subito dietro ha assistito all’intera scena, ha terminato di travolgere tutto e tutti fino all’albero piazzato nel giardino di una casa sempre su Via Varallino. Sul posto del gravissimo incidente è intervenuta la polizia locale oltre ai vigili del fuoco, che si stanno occupando dei rilievi e di chiarire la dinamica dello schianto e investimento. Pare non vi siano motivi o estremi per poter parlare di omicidio volontario e tutti gli elementi portano al malore e investimento completamente casuale, il che amplifica l’assurdità e il dramma della vicenda consumata nel Novarese.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori