Cicciolina a Montecitorio/ “Taglio dei vitalizi? Prendo solo 1.700 euro al mese, c’è chi ne prende 50mila”

Cicciolina a Montecitorio: “Taglio dei vitalizi? Prendo solo 1.700 euro al mese, c’è chi ne prende 50mila”. L’ex deputata del Partito Radicale non è preoccupata per il taglio imminente

cicciolina_2018_twitter
Cicciolina non è preoccupata per i tagli al vitalizio - Twitter

Fra i privilegiati che godono del cosiddetto vitalizio, vi è anche Ilona Staller, in arte Cicciolina, ex pornostar. Grazie a 20 mila voti ottenuti durante le elezioni del 1987 con il Partito Radicale, riuscì ad entrare a Montecitorio, godendo così della famosa pensione d’oro. L’ex deputata ha voluto fare chiarezza, e nelle scorse ore è uscita allo scoperto, intervistata dai microfoni dell’agenzia Ansa. Il nuovo governo M5S-Lega, promette tagli ai vitalizi, ma la bionda 67enne non si dice preoccupata: «Sapete quanto prendo? Appena 1.700 euro al mese. Qui parliamo di onorevoli che prendono fino a 50mila euro al mese!». Il riferimento è alle parole del neo-Premier Giuseppe Conte, che sulle pensioni d’oro ha parlato così nel discorso programmatico in Senato sulla fiducia: «Interverremo sugli assegni superiori ai 5.000 euro netti mensili nella parte non coperta dai contributi versati».

70 MILA EURO DI DEBITI VERSO UN CONDOMINIO

Ilona Staller sta vivendo un periodo un po’ turbolento della sua vita, e il protagonista in negativo è proprio il suo vitalizio (clicca qui per il nostro approfondimento sulla vicenda). Lo stato glielo ha infatti pignorato per intero, ed essendo il suo unico sostentamento di vita, sta andando incontro a non poche difficoltà. All’ex pornostar viene contestato un debito nei confronti di un condominio sito sulla Cassia, in Roma, di 70mila euro, ma la stessa Staller si dice assolutamente estranea ai fatti, puntando il dito nei confronti dell’ex amministratore di condominio dello stesso stabile, che sarebbe sparito dopo essersi intascato i soldi. Sulla vicenda si sta muovendo la Procura di Roma che a breve identificherà i reali colpevoli.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori