Muore a 24 anni di tumore: il padre finisce tesi e ne fa un libro/ Francesca Pirozzi e la “dieta” oncologica

- Paolo Vites

Il padre di Francesca Pirozzi, 24enne morta di tumore mentre era impegnata a terminare la sua tesi di laurea, il padre ha tratto un libro di ricette per persone malate

verdure_dieta_vegetariana_vegana_pixabay
La dieta per prevenire le malattie croniche

E’ morta mentre era impegnata a finire la sua tesi di laurea, una tesi speciale che ha preso ispirazione proprio dalla sua storia. Francesca Pirozzi è morta nell’agosto del 2016 a 24 anni, colpita da tempo da un tumore. La tesi su cui stava lavorando riguardava l’alimentazione consigliata per i pazienti in chemioterapia, cioè la sua esperienza. Adesso il padre, superando il dolore e facendo studi aggiuntivi, ha completato la tesi facendone un libro, “Il cibo ideale”, che uscirà domani, quando sarà presentato alla Fondazione Cassa di Risparmio di Fano. Marco Pirozzi, il padre, ha stilato una lista di ricette consigliate a chi deve subire il duro trattamento di chemioterapia, spesso causa di debolezza e debilitazione. Una intuizione, come aveva pensato Francesca, per controllare il malessere causato da un tumore e dalle cure contro di esso.

MUORE A 24 ANNI DI TUMORE: IL PADRE FINISCE TESI E NE FA UN LIBRO

Ci sono, nel libro, gli interventi di esperti come Giorgio Calabrese, nutrizionista, e Luca Imperatori, oncologo. Ma anche ricette di chef famosi del calibro di Mauro Uliassi a Nadia Santini. Tutto il ricavato dalle vendite del libro sarà devoluto alla ricerca sull’alimentazione oncologica, condotta da Vieri Fusi e Mirco Fanelli, docenti del dipartimento di Scienze biomolecolari dell’Università di Urbino. In un periodo storico in cui la cucina è diventata uno dei temi che più interessano la gente, spesso ricette e tipi di alimentazioni per snob in cerca di mettersi in mostra inventandosi assurdità o pietanze costose, questo libro insegna invece a prendersi cura dei malati, di chi soffre, di chi viene dimenticato da radio e televisioni sostituito con la cultura dell’effimero. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori