Firenze, anziano tenta suicidio in Arno: salvato da sordomuto/ Ultime notizie: 86enne ricoverato

- Emanuela Longo

Firenze, anziano tenta suicidio in Arno: salvato da un uomo sordomuto di origini albanesi, gettatosi nel fiume. Ora l’uomo di 86 anni è in ospedale per tutti i controlli del caso.

ambulanza_pixabay_2017
Immagine di repertorio

E’ stata sfiorata la tragedia questo pomeriggio a Firenze, dove un anziano uomo di 86 anni ha tentato il suicidio gettandosi nel fiume Arno, inconsapevole del fatto che ad osservarlo ci sarebbe stato proprio il suo salvatore. Non sono chiari i motivi che avrebbero spinto il pensionato a volersi togliere la vita ma di certo la giornata odierna è stata per l’anziano signore molto fortunata in quanto ad accorgersi del gesto estremo che stava per compiere, bloccandolo prima che potesse culminare in dramma, è stato un uomo sordomuto che proprio in quel momento passava in auto. Davanti ai suoi occhi, come spiega il quotidiano La Nazione, la scena dell’anziano che, dopo aver scavalcato la ringhiera del parapetto sull’Arno si lasciava cadere giù nel fiume. A quel punto il sordomuto avrebbe fermato l’auto e si sarebbe precipitato in suo soccorso tuffandosi nel fiume e portando a riva l’aspirante suicida che ora è ricoverato presso l’ospedale Careggi nel capoluogo Toscano.

IL SALVATAGGIO

L’episodio con protagonista un anziano uomo di 86 anni è avvenuto nel pomeriggio di oggi, mercoledì 11 luglio, intorno alle 16.30 nei pressi di Ponte San Niccolò, a Firenze. Secondo quanto ricostruito da una volante della polizia giunta sul posto della tragedia fortunatamente evitata, il sordomuto artefice del salvataggio miracoloso è un uomo di 42 anni di origini albanesi. Mentre l’anziano tentava di togliersi la vita gettandosi nel fiume Arno, il sordomuto passava in auto a bordo della quale vi era una donna, anche lei sordomuta e albanese. I due si sarebbero accorti che stava per accadere qualcosa di drammatico e così, proprio mentre l’aspirante suicida, classe 1932, scavalcava la ringhiera per compiere il gesto estremo, il 42enne albanese lasciava il volante precipitandosi nel fiume e salvando così l’anziano. Dopo averlo messo in salvo portandolo a riva, lo avrebbe quindi affidato ai soccorritori del 118 nel frattempo giunti sul posto, prima che venisse accompagnato all’ospedale Careggi per tutti i controlli del caso.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori