Venerdì 13, giorno sfortunato?/ Storia e origini della credenza popolare

- Stella Dibenedetto

Venerdì 13 porta davvero sfortuna? E’ un giorno in cui bisogna chiudersi in casa per evitare brutte sorprese? Storia, origini e usanze della credenza popolare.

venerdi13luglio
Venerdì 13 luglio

Oggi è venerdì 13 luglio. Un giorno che ai superstiziosi fa paura, ma che sul calendario è un giorno come tanti altri. Eppure, nonostante il progresso e l’evoluzione, c’è ancora chi crede che un numero possa portare sfortuna. In ogni luogo c’è un numero che è considerato più sfortunato di altri. Se in Italia, il numero più sfortunato è considerato il 17, il numero 13 è bandito, soprattutto quando è abbinato al venerdì nella tradizione anglosassone. E così, c’è chi evita di sposarsi il venerdì 13, chi fa di tutto per non far nascere il proprio bambino quel giorno e chi spera di non laurearsi un venerdì 13 di qualunque mese. In realtà, non c’è alcuna spiegazione scientifica dietro la convinzione che il numero 13 porti sfortuna. Dietro questa credenza popolare c’è una storia che risale a tanti anni fa. All’ultima cena, il tredicesimo era Giuda che poi tradì Gesù mentre nella mitologia scandinava era il cattivo Loki che si presentò al convivio degli dei pur non essendo stato invitato. L’associazione al venerdì, ha a sua volta origini antichissime e molti sono i fatti della storia accaduti proprio quel giorno della settimana.

VENERDI’ 13: I FATTI DELLA STORIA ACCADUTI QUEL GIORNO

Gesù morì di venerdì che, in Gran Bretagna, è anche il giorno in cui si effettuavano le impiccagioni. Anche la storia ha contribuito a rendere sempre più popolare la credenza della sfortuna del venerdì 13. Tra i fatti più drammatici accaduti di venerdì 13 e che la storia ricorda ci sono: il bombardamento di Buckingham Palace da parte dei nazisti che avvenne il 13 settembre 1942. Il 13 novembre del 1970, invece, un ciclone colpì Bangladesh mentre 3 novembre del 2015 a Parigi ci su l’attentato al Bataclan ed era sempre un venerdì. Si tratta, naturalmente, di coincidenze che, tuttavia, convincono sempre di più le persone superstiziose che il venerdì 13 non sia un giorno molto fortunato. In realtà, nel corso dei secoli, sono tantissime le tragedie avvenute sulla terra e in giorni diversi da un venerdì 13. Nel 2018, dunque, bisognerebbe abbattere tali convinzioni e cominciare a pensare che ls fortuna non esiste.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori