JESI, ANZIANA MORTA: NON È OMICIDIO-TENTATO SUICIDIO?/ Ultime notizie: nessun segno di coltellate

- Silvana Palazzo

Jesi, anziano uccide la moglie e tenta il suicidio: è grave. Ultime notizie: l’allarme dato dai vicini, ma la macabra scoperta è stata fatta dal figlio della coppia

incidente_omicidio_carabinieri_3_lapresse_2017
Carabinieri - LaPresse

Non sono stati trovati segni di coltellate sul corpo di Rita Mazzarini, l’anziana trovata morta ieri a Jesi. Lo ha rilevato il medico legale Mauro Pesaresi, che è stato chiamato dal procuratore facente funzione Irene Billotta per un primo esame della salma. Lo scenario è cambiato ed è diventato più complesso: la 82enne è stata trovata morta nel suo soggiorno, coperta di sangue, ma potrebbe essere deceduta per una caduta, perché spinta dal marito o per un malore. Mancano molti elementi, che potrebbero essere chiariti solo da Alvaro Bimbo, il marito 87enne, il quale però è in gravi condizioni all’ospedale a causa delle ferite autoinflitte al collo e ai polsi. Non ci sono ipotesi di reato a suo carico: secondo fonti giudiziarie al massimo potrebbe essere omicidio preterintenzionale, senza l’intenzione di uccidere la donna anziana e malata. I carabinieri, come riportato dall’Ansa, stanno lavorando nel più stretto riserbo. Intanto si attende autopsia, che al momento non è stata ancora disposta. (agg. di Silvana Palazzo)

JESI, ANZIANO UCCIDE LA MOGLIE E TENTA IL SUICIDIO

Un anziano ha ucciso la moglie e poi ha tentato il suicidio. È successo nel centro storico di Jesi, in provincia di Ancona, alle 20.30 di sabato. La vittima ha 82 anni. Il marito dopo averla ammazzata a coltellate ha provato a togliersi la vita colpendosi alla gola con lo stesso coltello. I vicini di casa, sentendo le urla, hanno chiamato uno dei figli della coppia, ma quando è arrivato sul posto, un ppartamento al secondo piano in via San Francesco, il delitto era già avvenuto. L’uomo ha chiamato i carabinieri e il 118. Ora Alvaro Bimbo, questo il nome dell’87enne, è ricoverato in gravi condizioni all’ospedale Carlo Urbani di Jesi: è stato portato via dalla Croce Verde. Le sue condizioni sono gravi ma, al momento, non rischierebbe la vita. Militari al lavoro per risalire anche alle cause dell’omicidio. L’uomo è un invalido, ha perso una mano, mentre la moglie era malata da tempo e usciva poco.

L’ALLARME DATO DAI VICINI

Ci sono ancora molti aspetti da chiarire in merito all’omicidio di Jesi, dove un uomo ha ucciso la moglie e provato poi a suicidarsi. Secondo AnconaToday, l’anziano non avrebbe colpito a coltellate la consorte, ma l’avrebbe uccisa a bastonate. Il portale fa riferimento a ricostruzioni secondo cui l’87enne ha colpito la moglie al volto ammazzandola. Il fatto, inoltre, sarebbe accaduto alle 16.30 circa, mentre il cadavere della donna sarebbe stato scoperto dal figlio della coppia intorno alle 20.30. L’uomo avrebbe poi trovato il padre nella vasca da bagno in stato di semicoscienza con evidenti gesti autolesionistici. E quindi ha allertato subito i soccorsi. Sul posto, oltre ai carabinieri di Jesi, l’automedica del 118 e gli operatori della Croce Verde che hanno portato l’anziano all’ospedale cittadino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori