Nardò, donna prende la figlia al campo scuola e rischia lo stupro/ Indagato un dipendente senegalese

Nardò, donna prende la figlia al campo scuola e rischia lo stupro: ultime notizie, indagato un dipendente senegalese di 36 anni, ecco cos’è successo in provincia di Lecce

polizia_concorso_lavoro_scuola_agenti_lapresse_2017
Immagine di repertorio (LaPresse)

Nardò, donna prende la figlia al campo scuola e rischia lo stupro: una mamma salentina è riuscita a scampare a una violenza sessuale. Come riportato dai colleghi del Corriere della Sera, la trentatreenne lunedì pomeriggio si è recata al campo scuola per prendere la figlioletta ma, secondo quanto raccontato alle forze dell’ordine, avrebbe rischiato di essere violentata dal dipendente della struttura. Il presunto aggressore è un extracomunitario senegalese che vive a Nardò da circa tre anni: recatasi al commissariato locale, la donna ha sporto denuncia per tentata violenza sessuale. Dopo aver chiesto informazioni al dipendente per poter rintracciare la piccola, l’uomo si sarebbe denudato e avrebbe preteso un rapporto sessuale: fortunatamente la donna è riuscita a scappare e a dare l’allarme. Sul posto sono intervenuti i poliziotti che hanno denunciato l’uomo dopo averlo identificato.

NARDO’, TENTATA VIOLENZA SESSUALE

Lecce Prima sottolinea che la donna ha chiesto informazioni all’uomo poiché era la prima volta che entrava nella struttura del campo scuola ed ha fatto riferimento al dipendente senegalese, che nel frattempo era impegnato in alcune attività agricole. Dopo averla condotta in una stanza vuota e buia, l’uomo avrebbe cercato di bloccarla dopo essersi spogliato ma la trentatreenne, con uno spintone, è riuscita a fuggire. Svolti gli accertamenti del caso, il trentaseienne extracomunitario è stato deferito alla Procura di Lecce. Il Corriere Salentino riporta un altro particolare: il marito della donna, dopo aver sentito il racconto disperato della coniuge, è entrato nella struttura per cercare il dipendente, che però si era già allontanato barricandosi in un’altra stanza.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori