Pierluigi Diaco “Ho rischiato di morire in moto”/ Il problema delle buche a Roma “La Raggi l’ha sottovalutato”

Pierluigi Diaco “Ho rischiato di morire in moto”. Il problema delle buche a Roma “La Raggi l’ha sottovalutato”. La testimonianza della nota voce di Rtl, caduto in scooter

pierluigi_diaco_cane_ugo_barbara_durso_twitter
Pierluigi Diaco e il cane Ugo (profilo Twitter)

Il problema delle buche di Roma è arcinoto da tempo. Spesso e volentieri l’asfalto capitolino si sfalda, lasciando buchi molto pericolosi per automobilisti, nonché ciclisti e motociclisti, e a volte delle vere e proprie voragini. Fra le vittime del problema romano, anche il giornalista Pierluogi Diaco, voce dell’emittente radiofonica Rtl, nonché volto tv, spesso e volentieri ospite presso varie trasmissioni d’attualità. Anche Diaco è stato vittima delle buche, come racconta lui stesso ai microfoni del quotidiano Il Messaggero: «È successo stamattina (ieri ndr) al Celio con il mio scooter 50, appena uscito di casa alle 5 e 30 del mattino per andare in radio: c’ erano due buche già segnate che ho evitato, poi però ce ne erano altre e sono caduto a destra, vicino al marciapiede. Potevo spaccarmi la testa. Per fortuna mi sono solo fatto male a una gamba».

“SERVE UNA GRANDE PROTESTA”

Diaco ammette che non denuncerà il tutto al Campidoglio, convinto che serva a ben poco se non a intasare i tribunali. «Non mi interessa essere risarcito dal Comune cui pago le tasse – prosegue – il discorso è legato alla rassegnazione». Per la voce di Rtl i cittadini romani sono ormai rassegnati dall’incuria della capitale, quindi manda un messaggio al sindaco: «La Raggi deve avere il coraggio di parlare con il Governo: il Consiglio dei Ministri dei varare un piano speciale, evidentemente la sindaca ha sottovalutato il tema». Secondo Diaco la soluzione a questo annoso problema potrebbe essere una grande protesta: «Associazioni di categoria, terzo settore, cittadini, rappresentanti delle scuole. Tutti insieme per dare un segnale forte che, ad oggi, non c’ è mai stato».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori