Crema, professoressa obbligata a rifare la maturità/ Già diplomata e laureata: tutta colpa del Ministero…

Crema, professoressa obbligata a rifare la maturità, già diplomata e laureata: tutta colpa del Ministero. Una storia particolare quella capitata ad un’insegnate di 35 anni

Concorso straordinario docenti
Immagine di repertorio

Una storia decisamente particolare quella di una professoressa di 35 anni costretta a ripetere l’esame di maturità. La vicenda è raccontata nel dettaglio dall’edizione online del quotidiano Il Giorno, e riguarda una giovane insegnante di Crema. La donna è professoressa di Scienze multimediali al liceo artistico Munari. Peccato però che un anno fa, dopo cinque anni di lavoro, il ministero dell’istruzione abbia deciso che per insegnare quella specifica materia, serviva un titolo di studio di cui la prof in questione non era provvista. Nonostante fosse già diplomata, poi laureatasi nella prestigiosa accademia milanese di Brera, la 35enne è dovuta tornare sui libri, per conseguire la maturità presso il liceo artistico.

“NON E’ STATO FACILE RIMETTERSI A STUDIARE”

«Non è stato facile rimettersi a studiare – ha confessato la prof-studentessa – perché prima ho dovuto sostenere le prove per l’ammissione all’esame, a maggio, con un test d’ingresso per ciascuna materia. Poi sono arrivati i giorni degli esami. Alla fine è andata molto bene». Ma non finisce qui, perché conseguito il diploma presso il liceo artistico di Monza, l’insegnante non ha ancora ottenuto l’abilitazione per tornare a svolgere il suo lavoro: «L’aver conseguito la maturità – le parole del dirigente dell’istituto Pierluigi Tadi – non dà immediatamente la possibilità di insegnare, ma dà il diritto di accedere alle classi di concorso per insegnare quelle specifiche materie e dà l’accesso all’abilitazione». I tempi non sono ancora noti, ma secondo lo stesso preside potrebbero volerci fino a tre anni.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori