Sara Tommasi drogata e stuprata?/ L’ex agente è stato assolto: per lei testimoniò anche Fabrizio Corona

- Matteo Fantozzi

Sara Tommasi drogata e stuprata? L’ex agente Fabrizio Chinaglia è stato assolto: per lei aveva testimoniato anche Fabrizio Corona. Era stata la stessa showgirl a denunciarlo.

sara_tommasi_leiene_2018
Sara Tommasi

Si torna a parlare di Sara Tommasi e della sua denuncia all’ex agente Fabrizio Chinaglia per aver partecipato a quello che si può considerare un vero e proprio stupro secondo le accuse. L’uomo è stato però assolto da tutte le accuse davanti al tribunale di Milano. La showgirl lo aveva denunciato sottolineando come questi avesse approfittato della sua condizione di inferiorità psichica per costringerla ad andare a letto con lui. La Procura stessa aveva richiesto otto anni, ma secondo il tribunale in questione il fatto “non sussiste”. Si parla del periodo che balla tra l’agosto e il settembre del 2013, sempre secondo Sara Tommasi l’uomo l’avrebbe costretta ad assumere cocaina con le minacce, si parla addirittura di una pistola e di persone implicate nella vicenda e legate alla malavita. Inoltre altra cosa grave è che si parla di percosse nei confronti della ragazza.

L’AGENTE E’ STATO ASSOLTO

L’ex agente di Sara Tommasi, Fabrizio Chinaglia, è stato ufficialmente assolto dopo che era stato accusato di violenza sia psichica che sessuale nei confronti di Sara Tommasi. Sicuramente si infittisce la situazione che aveva visto tra i protagonisti anche Fabrizio Corona. L’ex paparazzo più famoso d’Italia aveva testimoniato in tribunale nello scorso maggio, sottolineando che conosceva da ben diciotto anni Sara Tommasi, da addirittura prima che questa entrasse nel mondo dello spettacolo e che quando studiava all’Università Bocconi era una ragazza serissima. Inoltre Fabrizio Corona avrebbe sottolineato di non aver mai dato il numero di Sara Tommasi all’imputato. La showgirl era assistita dall’avvocato Marco De Giorgio che sicuramente non sarà soddisfatto di come sono andate a finire le cose.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori