Ultime notizie/ Di oggi, ultim’ora: migranti, Ong contro la Libia “li fa annegare” (18 luglio 2018)

- Matteo Fantozzi

Ultime notizie di oggi, ultim’ora: nuovo orrore nel Mediterraneo. Duro colpo al Clan dei Casamonica. Scongiurato lo sciopero dei controllori di volo. (18 luglio 2018).

immigrazione_migranti_clandestini_sbarchi_3_lapresse_2017
LaPresse

Una nuova vicenda tocca le coscienze degli italiani, relativamente alla linea dura scelta dal nuovo esecutivo sul tema migranti. Questa volta la denuncia parte da una ONG spagnola che accusa i libici di aver fatto morire una mamma e il suo bambino, lasciandoli in acqua ad affogare perché si rifiutavano di salire sulle motovedette che le volevano riportare nel paese africano. L’Organizzazione non Governativa è la Proactiva Open Arms, essa ha pubblicato sul suo profilo Twitter la denuncia di quanto avvenuto, chiudendo il lungo post con un attacco al governo italiano, reo di aver arruolato gli “assassini libici” allo scopo di impedire gli arrivi nel Bel Paese. Immediata la replica di Salvini per il quale la denuncia della ONG è totalmente priva di fondamento, con il ministro che si impegna in tempi bravi a fornire le prove che smentiranno la Proactiva.

DURO COLPO AL CLAN DEI CASAMONICA

Imponente operazione dei Carabinieri, con i militari che hanno eseguito 33 arresti tutte di persone appartenenti al clan che imperversa nella periferia Sud di Roma. I militari, hanno anche eseguito diverse perquisizioni domiciliari su disposizione della procura capitolina. Gli arresti sono stati effettuati tra la Capitale e le provincie di Reggio Calabria e Cosenza, il comando generale dell’Arma ha fatto sapere inoltre che 4 soggetti sono attivamente ricercati in tutto il territorio nazionale. In manette anche il pugile Spada, campione regionale nonché ex detentore del titolo italiano. Determinante per l’indagine il supporto fornito da alcuni collaboratori di giustizia.

SCONGIURATO LO SCIOPERO DEI CONTROLLORI DI VOLO

E’ stato scongiurato quasi in extremis lo sciopero dei controllori di volo proclamato da diverse sigle nazionali per il 21 luglio. L’agitazione degli uomini radar è stata evitata grazie all’accordo raggiunto dall’Enav e i lavoratori. La piena sinergia che ha evitato una giornata di passione per i viaggiatori, ha trovato la benedizione dei sindacati, con la dichiarazione del coordinatore nazionale del trasporto aereo della Filt Cgil, Fabrizio Cuscito. Ai lavoratori grazie all’accordo siglato oggi sarà riconosciuto un aumento sia dello stipendio tabellare che delle indennità. Sempre lo stesso Cuscito ha comunicato che nella settimana entrante sarà aperto un tavolo di trattativa con il governo in vista del rinnovo contrattuale del contratto nazionale, per tutte le categorie di lavoratori che si interessano di traffico aereo.

CHIEVO E PARMA RISCHIANO LA RETROCESSIONE

Si complica la situazione per le squadre del Parma e del Chievo che sono andati a processo per responsabilità oggettiva. Qualora fossero ritenute colpevoli le due squadre rischiano entrambe la serie A. Per i ducali la situazione appare molto complicata, con un suo giocatore inquisito per tentato illecito sportivo. Il giocatore è Emanuele Calaiò reo di aver cercato tramite alcuni messaggi di convincere alcuni suoi ex compagni di squadra in forza allo Spezia, di giocare in maniera “morbida” l’ultimo incontro della serie cadetta della scorsa stagione, per il giocatore la procura ha chiesto 4 anni di squalifica. Il Chievo è invece accusato dagli investigatori della FIGC di aver effettuato alcune plusvalenze fittizie con il Cesena

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori