INCIDENTE STRADALE SCOZIA, MORTA DONNA E BIMBO DI 4 ANNI ITALIANI/ Ultime notizie: altri due sono gravi

- Silvana Palazzo

Scozia, morti donna e bimbo italiani in incidente stradale. Scontro frontale tra auto e minibus, cinque vittime. La tragedia sulla strada A69, tra Keith e Huntly, nel Moray

incidente_scozia_bbc
Incidente stradale in Scozia

ALTRI DUE ITALIANI GRAVI

Il bilancio dell’incidente stradale avvenuto ieri in Scozia sull’A96 tra Huntly e Keith, nella regione del Moray (nel nord-est del Paese) è di 5 morti, fra cui due italiani: una donna e un bambino di 4 anni che al momento dello scontro si trovavano a bordo di un minibus che ha impattato violentemente contro un fuoristrada. In attesa di accertare le responsabilità dell’incidente, con la polizia locale al lavoro dalla notte scorsa per cercare di ricostruire l’esatta dinamica del sinistro ma altri quattro connazionali, come riportato da La Repubblica, sono rimasti feriti e due adulti versano in condizioni critiche dopo essere stati trasportati in ospedale a bordo di elicotteri. Gli italiani coinvolti nell’incidente sono attualmente all’Aberdeen Royal Infirmary, assistiti fra le altre cose anche da un medico italiano che esercita la professione proprio nella città portuale a est della Scozia. (agg. di Dario D’Angelo)

PROSEGUONO LE INDAGINI

Gli inquirenti stanno continuando a lavorare per cercare di capire di chi sia stato l’errore nel terribile incidente avvenuto nella giornata di ieri in Scozia, fra la cittadina di Keith e quella di Huntly. Uno scontro fra un furgoncino con a bordo sei turisti, e un suv Nissan, che purtroppo ha causato la morte di cinque persone, fra cui due italiani: un piccolo di appena 4 anni, e una donna di 39 anni. Carlo Perrotta, il console italiano a Edimburgo, è in contatto costante con le autorità investigative e sanitarie che stanno appunto cercando di fare luce su questo tragico episodio, mentre il console onorario ad Aberdeen, come riferisce La Repubblica, si è recato presso l’ospedale dove si trovano i nostri connazionali. Sono attesi aggiornamenti nelle prossime ore. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

CINQUE VITTIME

Sale a cinque, purtroppo, il numero delle vittime in un brutto incidente stradale in Scozia. Tra queste ci sono anche due italiani e un bambino di quattro anni. Sono numeri impietosi e che fanno spavento, raccontano una tragedia vera e propria consumatasi sulla strada A69 tra Keith e Huntly nel Moray. Gli italiani coinvolti nell’incidente erano sopra un minibus insieme ad altri turisti, questo si è scontrato frontalmente con un fuoristrada. Si è al lavoro per cercare di capire con precisione le dinamiche che hanno portato a questo tragico epilogo. Purtroppo anche i feriti sono davvero molto gravi, alcuni anche in prognosi riservata. Tra i morti ci sono due donne di 69 e 70 anni, oltre a un uomo di 63, mentre l’autista di 39 anni è ricoverato in prognosi appunto ancora da sciogliere. Il Sergente Peter Henderson ha confermato come la polizia stia ancora cercando di mettere insieme tutti i tasselli di un puzzle davvero doloroso da ricostruire. (agg. di Matteo Fantozzi)

FERITI DUE CONNAZIONALI, SONO GRAVI

Il tragico incidente nel quale due italiani hanno perso la vita, una donna e un bambino di quattro anni, è avvenuto a tarda sera. Lo riferisce la polizia locale, nel Moray, regione della Scozia che si affaccia sulla costa nord-orientale del Regno Unito. Un minibus Fiat e un suv Nissan che procedevano in direzione opposta si sono scontrati in pieno, accartocciandosi l’uno nell’altro. Le cause dell’incidente sono ancora da accertare definitivamente. Sul van viaggiavano due coppie italiane, una delle quali con due figli piccoli, uno dei quali è morto praticamente sul colpo, come pure la donna della coppia che viaggiava da sola. Gli altri quattro connazionali sono tutti feriti e sono stati trasportati in ospedale a bordo di elicotteri. Almeno due, entrambi adulti, sono in condizioni critiche. Le autorità locali hanno aperto un’inchiesta e le forze dell’ordine hanno lanciato un appello a eventuali testimoni per ricostruire l’accaduto. (agg. di Silvana Palazzo)

SCOZIA, MORTI DONNA E BIMBO ITALIANI IN INCIDENTE STRADALE

Una donna e un bambino di quattro anni, entrambi italiani, sono tra le cinque vittime dell’incidente avvenuto in Scozia. Qui la notte scorsa un minibus e un fuoristrada si sono scontrati frontalmente. Le altre tre vittime si trovavano sul fuoristrada, un uomo di 63 anni e due donne 69 e 70, tutti scozzesi. Stando a quanto riportato da Sky News, a bordo del piccolo pullman c’erano turisti italiani. L’incidente è avvenuto sulla strada A96, tra la cittadina di Keith e quella di Huntly, nella regione scozzese del Moray, sulla costa nord-orientale. Ci sono anche cinque feriti: il conducente, e altri due passeggeri, un uomo e una donna, e un bimbo di tre anni. Uno è molto grave; si tratta della donna, le cui condizioni sono critiche,  mentre il piccolo ha riportato ferite lievi. I feriti sono stati trasportati in ospedale in elicottero. La strada A96 è rimasta chiusa al traffico per tutta la notte.

SCONTRO AUTO-MINIBUS, 5 VITTIME

«I nostri pensieri in questo momento sono rivolti a tutti coloro che sono stati colpiti da questo tragico incidente», ha dichiarato nelle scorse ore il sergente Peter Henderson. A commentare l’incidente anche Richard Lockhead, parlamentare originario di Moray. «Questo è un incidente davvero orribile che ha sconvolto la nostra comunità. Il fatto che ci siano così tante vittime è stato difficile da accettare per le persone, pensieri di tutti sono per le persone colpite e i loro cari e amici in questo momento difficile». Lockhead ha reso poi omaggio ai servizi di emergenza «che si sono occupati di quello che è stato un così grave incidente stradale». Il servizio di ambulanza scozzese ha detto che un paziente è stato portato con l’aereo al Raigmore Hospital di Inverness, tre invece sono stati trasferiti su strada all’Aberdeen Royal Infirmary, mentre un altro paziente è stato portato al Dr Grey’s Hospital di Elgin e un bambino è stato trasferito al Royal Aberdeen Children’s Hospital.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori