Abruzzo, soccorsi gli scout in difficoltà sul Monte Morrone/ Avevano finito le scorte d’acqua da diverse ore

- Carmine Massimo Balsamo

Abruzzo, soccorsi gli scout in difficoltà sul Monte Morrone: ultime notizie, avevano finito le scorte d’acqua da diverse ore. Tratte in salvo le 12 persone

monte_morrone_wikipedia_2018
Monte Morrone (Wikipedia)

Abruzzo, soccorsi gli scout in difficoltà sul Monte Morrone: tratte in salvo le dodici persone che ieri, sabato 28 luglio 2018, si erano smarrite sul monte al confine tra Pescara e L’Aquila. Come evidenziato dai colleghi dell’Ansa, il gruppo aveva finito le scorte d’acqua da diverse ore ma nonostante ciò non è stato necessario l’intervento delle ambulanze: tutti in buone condizioni di salute. L’allarme è scattato nella giornata di ieri, con il gruppo di dodici scout di età compresa tra i 16 e i 55 anni che si è perso nel corso della discesa del monte. Partiti ieri mattina dalla Badia di Sulmona, gli scout hanno percorso la prima parte del sentiero dello spirito sulle tracce di Pietro Da Morrone, eremita poi divenuto papa Celestino V. Una escursione di circa quattordici ore, nel corso della quale il gruppo ha perso l’orientamento.

ABRUZZO, SOCCORSI GLI SCOUT DISPERSI

L’allarme è scattato attorno alle ore 22.30, con il capo scout che ha contattato la centrale operativa del 118 di Pescara: l’area in cui si trovavano è stata individuata grazie alla localizzazione del telefono cellulare da cui era partita la telefonata. I Carabinieri Forestali hanno raggiunto il gruppo di dodici scout e lo ha accompagnato fino a Roccacaramanico: lì ad attenderli c’era uno scuolabus messo a disposizione del comune, come sottolineato dall’Ansa. Nonostante le scorte d’acqua fossero terminate da diverse ore, con una ragazza che ha riportato una distorsione ad una caviglia, gli scout non hanno avuto bisogno del soccorso dei sanitari. Le forze dell’ordine sono stati accompagnati a Caramanico Terme, provincia di Pescara, dove è situato il convento dove era previsto che passassero la notte. Le ricerche, alle quali ha preso parte anche il sindaco di Sant’Eufemia a Maiella Francesco Crivelli, hanno avuto esito positivo: tutto è bene quel che finisce bene!



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori