Santa Marta di Betania/ Il 29 luglio si celebra la sorella di Lazzaro

- La Redazione

Il 29 luglio si celebra Santa Marta Di Betania, sorella di Maria e Lazzaro. Fu lei a chiedere a Gesù la resurrezione per il fratello morto. È patrona della casalinghe.

croce2_pixabay_2017
Santo del giorno: San Lanfranco Beccari

Santa Marta di Betania, sorella di Lazzaro

Il 29 luglio si festeggia Santa Marta di Betania, sorella di Lazzaro e di Maria di Betania e donna molto cara a Gesù nella cui casa veniva spesso ospitato quando si trovava nei dintorni di Gerusalemme. Betania è infatti un piccolo villaggio non lontano dalla Città Santa e Marta ed il fratello Lazzaro, assieme alla sorella Maria di Betania, con grande sentimento d’amore e amicizia accoglievano Cristo. Per questo motivo Santa Marta di Betania è stata eletta come protettrice e patrona della casa, delle faccende domestiche, dell’ospitalità, una Santa cara a casalinghe e pellegrini, osti e albergatori, di tutti coloro i quali sia nella professione che nella vita di tutti i giorni vivono la propria abitazione come luogo in cui accogliere, governare, porgere i propri servizi. Il legame tra Cristo e la famiglia di Marta era talmente saldo e amichevole che, appresa la notizia della morte del fratello di Marta e Maria, Lazzaro, Gesù corse nel villaggio giudeo. Fu Marta a chiedere a Gesù la Resurrezione per il fratello Lazzaro.

Il rapporto con la sorella Marta

Nel rapporto tra le due sorelle Gesù, durante un periodo in cui riposava accolto nella casa di Betania, approfitta del diverso atteggiamento di Marta e Maria nei confronti della vita per porre l’accento sul valore spirituale della vita stessa. le due sorelle, infatti, erano tra loro molto diverse: Maria dedita alla preghiera, Marta completamente assorbita dalle faccende domestiche, convinta che fosse un modo indiretto, attraverso l’ordine, l’accoglienza, la pulizia, di onorare il Signore. Gesù però, amorevolmente, consiglia a Marta di Betania di concedersi più tempo per il raccoglimento e la vita spirituale, chiedendo a Maria di equilibrarsi tra sorelle nella vita materiale e in quella trascendente con reciproci aiuti nello svolgere le faccende domestiche.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori