Santa Maria Goretti/ Il 6 luglio si celebra la vergine che perdonò il suo assassino

- La Redazione

Il 6 luglio si ricorda Santa Maria Goretti. Morì a 12 anni, uccisa dal giovane Alessandro Serenelli. Fu beatificata nel 1947 e proclamata santa nel 1950 da papa Pio XII.

maria_vergine_madonna_rosario_croce_pixabay_2017
24 maggio: Beata Vergine Maria Ausiliatrice

Il 6 luglio la Chiesa Cattolica Romana ricorda e festeggia Santa Maria Goretti, una giovane fanciulla vissuta a cavallo tra la fine dell’Ottocento e i primissimi anni del Novecento. Una santa molto amata i cui natali sono avvenuto a Corinaldo, una piccola cittadina della provincia di Ancona, il 16 ottobre dell’anno 1890. La sua era una famiglia dalle umili origini in quanto sia il padre Luigi che la mamma Assunta Carlini, per guadagnarvi da vivere coltivavano la terra, i cui frutti venivano puntualmente messi a tavola sia a pranzo che a cena. Quelli erano anni abbastanza tristi e spesso capitava che non ci fosse abbastanza cibo per tutti i componenti della famiglia e soprattutto nel caso della famiglia Goretti che era numerosa, questo avveniva abbastanza spesso. Così ben presto si arrivò alla decisione che la madre di Maria Goretti iniziasse a lavorare costantemente per cui non potendosi più occupare dei propri figli e delle faccende domestiche, nonostante fosse soltanto una tenera bambina tutte queste impellenze vennero demandate a lei. Santa Maria Goretti era una credente dal forte spirito religioso tant’è che quando all’età di undici anni fece la propria Prima Comunione, palesò la volontà di morire in maniera tale da poter porre termine alla propria vita terrena senza aver mai commesso un peccato. Soltanto qualche mese più tardi questa richiesta trovò accoglimento in maniera abbastanza drammatica. 

La morte di Maria Goretti

Il 5 luglio dell’anno 1902, Alessandro Serenelli un ragazzo del suo stesso paesino ma dell’età di 18 anni, essendosi pazzamente innamorata di lei non seppe controllare i propri istinti sessuali e così l’aggredì con il chiaro intento di violentarla. Santa Maria Goretti vi oppose resistenza e questo le fu fatale in quanto il ragazzo senza alcuna remore preso un coltello e la colpì con grande violenza. La fanciulla venne soccorsa e portata subito in ospedale per essere sottoposta a un difficile intervento chirurgico. Tutti i tentativi per salvarle la vita furono vani e Santa Maria Goretti il 6 luglio poco prima di essere accolta nel regno dei cieli, manifestò l’intenzione di perdonare il proprio assalitore. Quest’ultimo venne condannato a 30 anni di carcere e durante questo periodo sognò Santa Maria Goretti che lo rassicurò sul fatto che anche lui sarebbe andato in Paradiso. L’uomo si è poi convertito. Maria Goretti fu beatificata nel 1947 e proclamata santa nel 1950 da papa Pio XII durante quell’Anno Santo. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori