Buche a Roma, fotografo Barillari chiede danni al Comune/ Re paparazzi ricoverato: “Raggi, sistema le strade!”

- Niccolò Magnani

Caos buche a Roma, fotografo Rino Barillari chiede danni al Comune: re dei paparazzi e della Dolce Vita caduto e ricoverato con gamba fratturata, “Virginia Raggi sistema le strade!”

buche_roma_comune_asfalto_raggi_lapresse_2018
Buche a Roma (LaPresse)

Il caos a Roma è allargato a numerose problematiche che stanno aumentando invece che diminuire dopo che il “guru” e fondatore del Movimento 5 Stelle Beppe Grillo girando per la città ha affermato che nella Capitale “non esistono buche” e che se le inventano i giornalisti per andare contro al sindaco Raggi. Ecco, lo chiedesse al fotografo e re dei paparazzi e della Dolce Vita Rino Barillari, o alla stessa Virginia che nelle ultime ore sono inciampati nelle buche romane. Per la sindaca M5s una vera ironia del destino, inciampare nelle strade bucate mentre si sta presentando un’isola pedonale e mentre si dà la colpe delle strade rovinate ai sampietrini (tanto che ha annunciato un prossimo referendum tra i cittadini per rimuovere il “ciottolato” romano nei prossimi mesi). Ma il caso del giorno è chiaramente quello di Rino Barillari che al Messaggero ha raccontato tutta la sua spiacevole avventura: il simbolo della Dolce Vita è caduto qualche giorno fa in Via Campo Marzio a causa di un sampietrino posto male e si è fratturato la gamba destra (la stessa che qualche anno fa alcuni indecenti tifosi della Lazio accoltellarono dopo alcuni suoi scatti “scomodi”). «Mi sento umiliato, rotto, questo è un danno per tutti i romani. Povera Roma, com’è ridotta. Serve davvero un miracolo del Vaticano», racconta al Messaggero il fotografo indignato per la (non) gestione dell’Amministrazione romana tanto con Raggi quanto con i precedenti.

NEL MIRINO ANCHE BEPPE GRILLO

Barillari ha poi raccontato nel dettaglio cosa è successo in quella maledetta strada sconnessa: «in via di Campo Marzio, un sampietrino rialzato, la strada disconnessa e una maledetta buca mi hanno tradito. Per salvare la borsa, dove custodisco macchina fotografica, flash, obiettivo e altri segreti, sono caduto dalla parte della gamba sbagliata». Barillari, che commenta con ironia la caduta della stessa sindaca – «è la democracy, bellezza!» – non ci sta comunque a quanto avvenuto e chiede i danni al Campidoglio: «stavo lavorando. Ho rischiato la vita tante volte. Sono stato accoltellato, per salvare una ragazza a piazza Navona di notte per poco non vado al Creatore, ma questo è un segno dei tempi, pessimo». La denuncia arriverà e un primo pensiero andrà anche allo stesso Grillo: «appena vedo Grillo glielo dico: meno male che non c’erano le buche»», conclude Barillari.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori