DON PAOLO GLAENTZER, ABUSI SU BAMBINA DI 10 ANNI: “UNA MONTATURA DEI GIORNALI”/ La comunità: “non lo vogliamo”

- Silvana Palazzo

Don Paolo Glaentzer, arrestato per abusi su bambina di 10 anni: “Il demonio mi ha fatto lo sgambetto”. La Vita in Diretta lo ha cercato per un’intervista: “I giornali hanno esagerato”

prete_Sacerdote_pixabay_2017
Prete (Pixabay)

“Una montatura dei giornali”, così Don Paolo Glaentzer ha definito la vicenda che lo vede tristemente protagonista in seguito al suo arresto per abusi su bambina di 10 anni. La giornalista della trasmissione La Vita in Diretta ha raggiunto il sacerdote nella sua abitazione nella quale è attualmente ai domiciliari per chiedere come stanno procedendo questi giorni: “Confido in nostro Signore, mi dispiace che i giornali abbiano esagerato alla grande”, dice il sacerdote chiudendo la porta e rifiutandosi di rispondere alle altre domande dell’inviata della trasmissione di RaiUno. Eppure la sua risposta rappresenta un fatto curioso e contraddittorio dal momento che lo stesso risulta essere doppiamente reo confesso: la prima volta il don aveva confessato l’accaduto davanti ai giudici, il 24 luglio scorso al momento dell’arresto e successivamente ha ribadito le sue dichiarazioni confessorie anche davanti al gip nell’udienza della convalida del fermo. Proprio il suo atteggiamento collaborativo gli ha permesso i domiciliari. Intanto, sono tanti oggi gli abitanti di Bagni di Lucca che non desiderano la sua presenza e molti preferiscono che sia destinato altrove. Anche per tale ragione prosegue la raccolta firme per chiedere il suo allontanamento. “Non lo vogliamo”, dicono in coro. C’è ancora la paura che possa commettere lo stesso crimine con le altre bambine del posto e la maggiore preoccupazione arriva proprio da parte dei genitori abitanti del paese. (Aggiornamento di Emanuela Longo)

“IL DEMONIO MI HA FATTO LO SGAMBETTO”

«Il demonio mi ha fatto lo sgambetto». Don Paolo Glaentzer commenta così gli arresti domiciliari disposti dopo essere stato colto in flagrante con una bambina di 10 anni a Calenzano. Del suo caso si occuperà oggi La Vita in Diretta che lo cercato a Bagni di Lucca, dove si è trasferito dopo lo scandalo. «Confido in nostro Signore, ma i giornali hanno esagerato alla grande», le poche parole ai microfoni del programma di Raiuno. Il prete ha lasciato Sommaia dopo 15 anni, ma doveva lasciare Calenzano da tempo visto che aveva chiesto al cardinale già da novembre dell’anno scorso di andare in pensione. «E adesso è capitata questa cosa un po’ così, all’improvviso, mi dispiace che sia successa, bisogna pregare, la fede è fondamentale, pregando si risolvono i problemi», ha raccontato nei giorni scorsi al Corriere della Sera. Quando parla però sembra non rendersi conto della gravità di quello che è successo, visto che è accusato di violenza aggravata su minore.

DON PAOLO GLAENTZER, ARRESTATO PER ABUSI SU BAMBINA DI 10 ANNI

Dopo essere stato beccato in macchina con una bambina di 10 anni, don Paolo Glaentzer è finito agli arresti domiciliari e gli è stato impedito di celebrare la messa. Lo ha deciso il cardinale Giuseppe Betori, arcivescovo di Firenze. «Mi hanno dato una lettera con scritto che non posso celebrare messa», ha spiegato al Corriere della Sera. In ogni dichiarazione c’è sempre un riferimento alla sua fiducia nel Signore: «Appoggiarsi al nostro Signore ti dà una fiducia e anche una gioia inspiegabile, nonostante tutto quello che…». Ecco, quando si tratta di entrare nel merito della vicenda si ferma. «Tutto quello che… in parte è successo, in parte hanno scritto i giornali esagerando», ha proseguito. Agli inquirenti ha confessato, aggiungendo che era già accaduto qualcosa di simile in passato. «Altre poche volte». Quella con la bambina era «una simpatia reciproca». E don Paolo Glaentez ha ribadito di non sapere che avesse 10 anni: «Io gliene davo 15…». Ma comunque non è un’attenuante. «È stata una mia stupidità, mi ha fatto lo sgambetto il demonio, uno sgambetto un po’ pesante, ho commesso un errore, questo lo ammetto, ci penserà il nostro Signore… Lui è in grado. L0ho già sperimentato in tante situazioni che sembravano senza via di uscita, forse questa è una delle peggiori, ma io ho piena fiducia in Gesù e Maria».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori