Catanzaro, saluto fascista a esponente Destra Calabrese/ Video, funerale Nando Giardini: omaggio dei camerati

- Emanuela Longo

Catanzaro, saluto fascista a esponente Destra Calabrese, Ferdinando Giardini: i “camerati” omaggiano l’uomo durante i funerali. La scena finisce in un video virale.

saluto_fascista_funerale
Catanzaro, saluto fascista a esponente Destra Calabrese

Sono stati in tanti, ieri a partecipare ai funerali di Ferdinando Giardini, storico esponente storico della Destra in Calabria, morto lo scorso giovedì all’età di 96 anni. Oltre ad essere considerato uno dei “padri” della Destra Calabrese, Ferdinando Giardini, detto “Nando”, è stato per molti anni consigliere regionale e consigliere comunale di Catanzaro ma anche tra i fondatori del Movimento Sociale Italiano. La cerimonia funebre, come spiega il portale LaCNews24 ha visto la partecipazione di moltissimi che, con dolore e commozione, hanno voluto rendere il loro ultimo saluto all’uomo, molto conosciuto in città per le sue posizioni politiche. Un funerale come tanti altri, se non fosse che all’uscita del feretro dal portone della chiesa, una parte della folla giunta a Catanzaro da tutta la Calabria ha voluto omaggiare Giardini con il classico “saluto fascista”.

IL PRECEDENTE A SASSARI

Sono stati numerosi a rispondere con “presente” al grido “Camerata Nando Giardini”, come prevede un rito ben consolidato, tanto anacronistico quanto offensivo della democrazia. E’ accaduto per tre volte a conclusione del rito funebre, affiancato dal consueto saluto romano che tanto ora sta facendo discutere. L’avvenimento è stato immortalato da un video già diventato virale, diffuso dalla Gazzetta del Sud. Il fatto ha ricordato un precedente avvenuto solo qualche giorno fa, questa volta a Sassari, organizzato da CasaPound in occasione dei funerali di Gianpiero Todini, docente universitario. Anche in quella occasione il feretro fu accompagnato dal saluto fascista destando non poco scalpore, con la presenza dei camerati schierati come soldati in una parata militare, sul sagrato della Chiesa. Ed ancora una volta la scena era finita in un video che aveva fatto il giro dei social. CLICCA QUI PER VEDERE IL VIDEO



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori