Ultime notizie/ Di oggi, ultim’ora. Ancona: 11enne muore intossicata, grave il fratello (11 gennaio 2019)


- Fabio Belli

Ultime notizie/ Di oggi, ultim’ora. Ancona: 11enne muore intossicata, grave il fratello. Strage di Avellino: assolto l’ad di Aspi (11 gennaio 2019)


Scontro auto-moto
Scontro auto-moto (LaPresse, 2018)

Una bambina di 11 anni è morta intossicata dopo aver esalato del monossido di carbonio. L’episodio si è verificato questa mattina presto, attorno alle ore 7:00, nella provincia di Ancona. Stando alla ricostruzione effettuata dai vigili del fuoco e dai carabinieri, la piccola avrebbe respirato il micidiale gas che uccide in maniera silenziosa, a causa forse di una stufetta mal funzionante che i genitori le avevano messo in camera per riscaldare l’ambiente. Ferito in maniera molto grave anche il fratellino di anni 7, che si trova attualmente ricoverato presso uno degli ospedali della zona. Disperata la famiglia nonché l’intera comunità di Aspro di Sassoferrato all’apprendere la notizia. Purtroppo sono sempre di più i casi di questo tipo, di persone giovani, e adulti, che muoiono nel sonno dopo aver respirato il micidiale monossido di carbonio. La speranza è che il figlio più piccolo possa riprendersi completamente. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

Ultime notizie, strage del bus di Avellino: assolto l’ad di Aspi

E’ stato assolto l’amministratore delegato di Autostrade per l’Italia, Giovanni Castellucci, in merito alla strage che avvenne il 28 luglio del 2013, quando un pullman con a bordo 40 persone precipitò dal viadotto autostradale di Avellino, provocando il decesso di tutti i passeggeri e dell’autista. L’ad di Aspi era accusato di omicidio colposo plurimo e disastro colposo assieme a 11 persone, perché le barriere del viadotto incriminato non erano state ritenute a norma, ma il tribunale ha deciso di assolvere l’imprenditore, condannando invece a 12 anni di reclusione Gennaro Lametta, il titolare dell’agenzia di viaggio che noleggiò il bus, nonché il fratello di Ciro, l’autista che perse la vita nell’incidente. Per quanto riguarda Autostrade, invece, 6 anni nei confronti dei dirigenti Nicola Sapdavecchia e Gianluca De Franceschi, 5 anni e 6 mesi per Paolo Berti, e Giovanni Marrone, nonché 5 anni a testa per Michele Renzi e Bruno Gerardi. Per l’ad Castellucci il pm aveva chiesto 10 anni di reclusione: rabbia fra i famigliari delle vittime. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

Ultime notizie, scontro nel governo sulle trivelle

L’ennesimo scontro di questi ultimi giorni, quello che oggi è scoppiato all’interno dell’esecutivo sulle trivelle. Il Movimento Cinque Stelle non ha mai nascosto il suo risentimento sulla ricerca operata nei mari, ma oggi è arrivato lo stop leghista, con Vannia Gava, sottosegretario leghista all’Ambiente, che dichiara che il suo partito è invece favorevole alle trivellazioni. La dichiarazione getta altra benzina sul fuoco dopo la questione dei 49 migranti della Sea Watch, con la Lega che si dice pronta a disertare la votazione sul reddito di cittadinanza. La tensione in serata si è trasferita nella sala del consiglio dei ministri, nella riunione infatti non si sono affrontati ne la questione del reddito di cittadinanza ne quella di quota 100, misure che devono essere ridiscusse. 

Ultime notizie, accordo a distanza di Renzi e Grillo sui vaccini

Due firme apposte in momenti diversi ma sullo stesso manifesto, due firme che di fatto avvicinano le posizioni del Movimento Cinque Stelle e del Partito Democratico. Matteo Renzi e Beppe Grillo hanno infatti approvato il manifesto sui vaccini scritto dal noto virologo Roberto Burioni. Nel manifesto si appoggia in maniera indiscutibile l’utilizzo dei vaccini, disapprovando al contempo la pseudo scienza che porta alla sofferenza e alla morte di tanti esseri umani. La firma sul manifesto è stata resa nota direttamente da Burioni. Immediata è montata la protesta della base grillina da sempre avversa ai vaccini, molti gli insulti diretti al fondatore del Movimento, con alcuni attivisti che hanno dato del “traditore” a Grillo.

Ultime notizie, nuovo sbarco nel Crotonese

Mentre l’attenzione era rivolta ai 49 della Sea Watch è avvenuto l’ennesimo sbarco sulle coste calabre. La zona questa volta è stata quella di Torre di Melissa, qui in piena notte gli abitanti sono stati svegliati dalle urla di alcuni clandestini di nazionalità curda. Gli abitanti, sindaco in testa, si sono resi conto i migranti si trovavano su una barca a vela arenata a una decina di metri, incuranti del pericolo sono riusciti a trasportarli a terra con l’ausilio di una piccola imbarcazione messa a disposizione da un vicino hotel. Ennesimo atto di eroismo legato allo sbarco, quella che ha visto protagonisti due giovani finanzieri giunti in zona, essi si sono gettati in acqua per permettere il salvataggio di una madre con la sua piccola bambina rimasta a bordo nello scafo rovesciato. Alla fine il bilancio parla di 51 persone salvate, tutte di nazionalità curda. 

Ultime notizie, agguato di fronte l’asilo a Roma

Aveva appena portato i bimbi all’asilo e stava uscendo dal plesso scolastico, quando uno scooter lo ha affiancato e un uomo gli ha sparato colpendolo alla testa. Cosi è morto un pregiudicato di 35 anni, di cui non sono state rese note le generalità. L’uomo era stato condannato in passato per episodi di rapina e spaccio. Immediata la protesta del Sindaco capitolino Virginia Raggi, che ha chiesto al ministro dell’interno i poliziotti che quest’ultimo aveva promesso in campagna elettorale. A stretto giro di posta la risposta di Salvini che ai giornalisti ha dichiarato testualmente “Sono qui per portare risultati concreti rispondendo a chi fa solo bla bla bla.

Ultime notizie, Higuain vicino al Chelsea?

Nel calciomercato invernale, un affare di grande spessore di cui si è parlato da giorni tra smentite e controsmentite potrebbe essere vicino alla sua definizione. Gonzalo Higuain al Chelsea: il fratello Nicolas, agente del Pipita, è a Londra e starebbe discutendo il passaggio ai Blues del centravanti argentino, richiesto con grande energia dal tecnico Maruizio Sarri. Il Milan ha affermato di voler tenere Higuain solo con piena convinzione dell’attaccante, e se l’affare si chiuderà in tempi brevi con l’accordo tra il giocatore e il Chelsea, acconsentirà alla cessione per tuffarsi subito alla ricerca di un sostituto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA