Davide Rossi a processo, papà Vasco: “È innocente”/ “Sono sicuro che non dovrà chiedere scusa”

Processo Davide Rossi, il padre Vasco si schiera al suo fianco: “È innocente, sono sicuro che non dovrà chiedere scusa”, ecco le parole del Blasco.

Davide Rossi, processo figlio Vasco
Davide Rossi, processo figlio Vasco (Foto Instagram)

Davide Rossi è atteso a maggio dalla nuova udienza del processo che lo vede accusato di lesioni e omissione di soccorso per un incidente avvenuto nel settembre del 2016 alla Balduina. Papà Vasco Rossi si è schierato al suo fianco: il cantante è convinto dell’innocenza del figlio ed ha scelto una frase della sua ultima canzone (“La Verità”) per prenderne le difese. Ecco le sue parole all’avvocato Carla Serra, che difende Davide: «La verità non ha bisogno mai di scuse». E anche mio figlio sono sicuro che non dovrà chiedere scusa: lui è innocente, come dimostrerà nel processo. Ho completa fiducia nella magistratura». Oggi, martedì 15 gennaio, è iniziato il dibattimento che vede Rossi junior sul banco degli imputati, con il cantante e autore che può contare sul sostegno della famiglia.

VASCO ROSSI SI SCHIERA AL FIANCO DEL FIGLIO DAVIDE

Come sottolinea il Corriere della Sera, nel processo è imputato anche l’amico Simone Spadano, accusato di favoreggiamento (si sarebbe assunto la colpa del sinistro, mentendo secondo la procura): nell’udienza odierna accusa e difesa hanno chiesto al giudice l’ammissione delle testimonianze necessarie a ricostruire quanto accaduto alla Balduina due anni fa. Secondo la procura alla guida dell’automobile che avrebbe scatenato l’incidente ci sarebbe stato Rossi junior, scappato subito dal luogo dell’impatto lasciando sul posto l’amico con lo scopo di far ricadere su di lui tutta la colpa dello scontro l’altra macchina, con a bordo due donne. Una tesi avvalorata dalle due ragazze ferite secondo le quali l’amico di Rossi le avrebbe avvicinate offrendo loro di fare un cid dove avrebbero però dovuto scrivere che alla guida dell’Audi c’era lui e non il figlio di Vasco.



© RIPRODUZIONE RISERVATA