CAROVIGNO, PROVA A UCCIDERE LA MOGLIE E POI SI SUICIDA/ Ultime notizie Brindisi: non accettava la separazione

- Silvana Palazzo

Carovigno (Brindisi), spara alla moglie e poi si suicida: lei è gravissima. Le ultime notizie: non accettava la separazione dalla donna

stalking ragazze
Immagine di repertorio (Pixabay, 2018)

Non aveva mai accettato la decisione della moglie di separarsi, per questo Salvatore Natola ha deciso di imbracciare il fucile a canne mozze e di spararle, rivolgendo poi l’arma contro di sé per suicidarsi. La tragedia è avvenuta, come riportato da Teleregione, dopo un’udienza davanti al Tribunale di Brindisi. Testimone del fatto di sangue il fratello di Maria Franca Colucci, che aveva accompagnato i due ex coniugi in tribunale per permettere al 75enne, imputato di detenzione e porto illegale di una roncola, di presenziare all’udienza. Quando sono giunti nel casolare di proprietà di Natola per recuperare le auto, il pensionato è entrato nell’immobile e ha preso il fucile calibro 12 modificato, e detenuto illegalmente, con cui ha sparato all’ex moglie, che è in gravissime condizioni, e si è ucciso. L’ex cognato di Natola ha chiamato i soccorsi e riferito agli investigatori che non c’era stata alcuna lite prima della tragedia. Sul posto sono state trovate due cartucce esplose e una terza ancora nel caricatore. (agg. di Silvana Palazzo)

BRINDISI, SPARA ALLA MOGLIE E POI SI SUICIDA

Dopo quella di Cardito un’altra tragedia, stavolta nel Brindisino. Un uomo ha sparato alla moglie con una pistola al culmine di una lite e poi si è suicidato con la stessa arma. La tragedia è avvenuta in un casolare di campagna a Carovigno, tra le contrade Grottone e Columbri. La donna è stata trasportata all’ospedale Perrino, dove le sue condizioni sono apparse disperate. Pare che in questo momento sia in corso un delicato intervento chirurgico. Erano le 13.30 quando si è consumato il dramma. Al momento non sono noti i motivi della violenta lite, né i dettagli sulla dinamica della tragedia. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della Compagnia di San Vito dei Normanni e successivamente gli agenti della Polizia di Stato di Ostuni che ha subito avviato una indagine per ricostruire i fatti. All’arrivo dei soccorsi pare che l’uomo fosse ancora vivo, ma nonostante il trasporto all’ospedale Perrino di Brindisi non ce l’ha fatta. Stando a quanto riportato da BrindisiOggi, l’uomo è Salvatore Natola, 75 anni.

TRAGEDIA A CAROVIGNO

Sono frammentarie al momento le notizie sulla tragedia familiare che si è consumata a Carovigno. Secondo CarovignoNotizie, l’uomo avrebbe puntato la pistola alla moglie ferendola gravemente alla gola, poi ha rivolto l’arma verso di sé esplodendo il colpo che gli è costato la vita. In un primo momento fonti investigative avevano dato per morta la donna, che invece versa in gravi condizioni. La vittima è Maria Franca Colucci di 57 anni, a cui i medici stanno cercando di salvare la vita. Non è neppure chiaro quale sia l’arma usata: si parla anche di un fucile da caccia. Sono dunque molti gli aspetti da chiarire su questa vicenda. Sul caso indaga infatti il commissariato di Ostuni.



© RIPRODUZIONE RISERVATA