PICCHIA LA MOGLIE E AGGREDISCE CARABINIERI/ Osimo, arrestato: assediava la donna scappata a casa dei genitori

Picchia la moglie e aggredisce i carabinieri: Osimo, 42enne italiano arrestato. Assediava la donna scappata a casa dei genitori: già rimesso in libertà.

04.01.2019 - Dario D'Angelo
Carabinieri Napoli, immagini di repertorio
Carabinieri, immagini di repertorio

Un uomo è stato arrestato dopo aver picchiato la moglie ed essersi scagliato contro i carabinieri intervenuti in soccorso della donna, rifugiatasi nel frattempo a casa dei genitori. Un vero e proprio incubo quello vissuto dalla donna, che per alcuni interminabili minuti deve aver pensato che in alcun modo avrebbe potuto sottrarsi alla furia del marito, un 42enne italiano arrestato per maltrattamenti in famiglia, tentata violazione di domicilio, lesioni aggravate sulla coniuge coetanea e resistenza a pubblico ufficiale. Come riportato dall’Ansa, i fatti in questione si sono verificati in quel di Sirolo: sul luogo delle violenze sono intervenuti i militari del Norm di Osimo, costretti a fronteggiare l’uomo che all’apparenza risultava in stato di alterazione dovuta all’abuso di alcol. Giunti sul posto dopo una richiesta d’aiuto, i carabinieri si sono trovati dinanzi una scena a dir poco inquietante: il 42enne stava infatti prendendo a calci e pugni la porta di casa dei genitori della moglie.

PICCHIA LA MOGLIE E AGGREDISCE I CARABINIERI

Lo scopo dell’uomo era con ogni probabilità quello di sfondare la porta dei suoceri per mettere le mani sulla moglie, che nelle ore precedenti si era rifugiata dai genitori per sfuggire alle condotte aggressive del marito, che andavano avanti ormai da tutto il giorno. Alla vista dei militari del Norm di Osimo, però, l’uomo non ha rinunciato ai suoi propositi, anzi. Nel mirino sono finiti infatti i carabinieri intervenuti sul posto, procuratisi nella colluttazione distorsioni a spalle e gomiti e per i quali i medici hanno comunicato una prognosi di 5-6 giorni. La stessa donna è stata poi medicata in ospedale per le percosse con prognosi di cinque giorni. Come riferito dall’Ansa, il tribunale di Ancona ha convalidato l’arresto del 42enne, che è stato però rimesso in libertà con allontanamento della casa familiare e divieto di avvicinarsi ai luoghi frequentati dalla moglie e dai suoi genitori.



© RIPRODUZIONE RISERVATA