Noventa Vicentina, travolta e uccisa dal ladro della sua auto/ Morta una 51enne

A Noventa Vicentina è morta una donna di 51 anni, travolta e uccisa dal ladro della sua auto

14.03.2019 - Davide Giancristofaro Alberti
Operazione dei Carabinieri
Operazione dei Carabinieri (LaPresse, 2019)

Una donna è morta a Noventa Vicentina, nel tentativo di non farsi rubare la sua Mercedes. L’episodio agghiacciante si è verificato nel pomeriggio di ieri nel comune in provincia di Vicenza: un uomo ha tentato di rubare una Mercedes nera modello Slk, ma la sua proprietaria, tale Michaela Stoicescu, 51enne di origini rumene, ha provato a rimanere aggrappata alla sua stessa auto. Peccato però che il malvivente senza scrupolo abbia accelerato nonostante la donna “appesa”, poi caduta e travolta dal mezzo in fuga. Michaela si era recata agli uffici postali del paese assieme alla nipote 33enne per prelevare del denaro, ma un pomeriggio apparentementr tranquillo si è trasformato in tragedia per colpa di un ladro, che probabilmente aveva fiutato il colpo, sperando di assicurarsi una bella macchina e nel contempo anche una modesta quantità di euro. Pare infatti che la nipote della vittima abbia prelevato alcune migliaia di euro che sarebbero dovuti servire per pagare delle partite di bancali di pellet. Dopo 4/5 tappe ai bancomat le due sono giunte agli uffici postali di Noventa dove è avvenuta la tragedia.

NOVENTA VICENTINA, TRAVOLTA E UCCISA DAL LADRO DELLA SUA AUTO

Una volta che la 33enne è entrata in posta, il ladro ha tentato di scaraventare fuori dall’auto la 51enne rumena, (rimasta nel frattempo in macchina), aprendo la portiera del lato passeggero. Peccato però che la donna non ne voleva sapere di lasciare il mezzo e a quel punto il rapinatore ha effettuato una serie di manovre con la stessa ventura, nel tentativo appunto di liberarsi dell’occupante: prima facendo retro marcia a folle velocità, poi andando a sbattere violentemente contro un’autoambulanza parcheggiata. Uno scontro che è stato fatale alla donna, che ha sbattuto la testa contro il finestrino e poi sull’asfalto. Liberatosene, l’uomo è partito a tutto gas finendo però la sua corsa solamente 200 metri più avanti, andando a sbattere contro un palo della caserma della guardia di finanza. Sceso dall’auto è quindi salito sulla Panda del complice che lo stava aspettando, facendo perdere ogni traccia di se. Nel frattempo la donna è stata soccorsa dalla stessa ambulanza con cui la sua auto si era scontrata, ma durante il tragitto per l’ospedale è morta. I due malviventi sono attualmente ancora latitanti.



© RIPRODUZIONE RISERVATA