Ultime notizie/ Di oggi, ultim’ora. 16 anni all’untore di Ancona (14 marzo 2019)

- Matteo Fantozzi

Ultime notizie di oggi, ultim’ora. 16 anni e 8 mesi a Claudio Pinti, l’untore di Ancona (14 marzo 2019)

Claudio Pinti, untore Hiv
Claudio Pinti, untore Hiv

E’ stato condannato a 16 anni e 8 mesi di reclusione Claudio Pinti, conosciuto anche come l’untore di Ancona. Il tribunale anconetano ha ritenuto colpevole l’imputato di lesioni gravissime e omicidio volontario, dopo che lo stesso ha avuto rapporti con l’ex compagnia, contagiata in maniera consapevole poi ammalatasi e morta nel 2017. Inoltre, ha contagiato anche un’altra sua ex fidanzata, una 40enne con cui aveva dei rapporti. Ma il caso sembra tutt’altro che chiuso visto che sarebbero a centinaia le donne che hanno denunciato di aver avuto rapporti con il signor Pinti, e a cui sarebbe stato chiesto un risarcimento danni che ammonterebbe a circa 7 milioni di euro. Gli avvocati sarebbero pronti a ricorrere in appello dopo la sentenza in primo grado, ma la sensazione è che con il passare del tempo la posizione dello stesso “untore” marchigiano possa aggravarsi piuttosto che migliorare. Tra l’altro lo stesso è ricoverato presso l’ospedale di Viterbo dallo scorso mese di dicembre, per via delle sue condizioni fisiche debilitate dall’Hiv. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

Ultime notizie, Brexit: si vota la proroga

Terzo giorno di votazioni riguardanti la Brexit presso il parlamento britannico. Questa sera bisognerà decidere se prorogare o meno la data d’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea oltre il 29 marzo, la deadline stabilita da tempo. Una mano in tal senso l’ha fornita il Presidente del Consiglio Ue Donald Tusk, che ha fatto sapere di essere disposto a prorogare ulteriormente l’uscita, se questo significa permettere a Londra di organizzarsi meglio: «Durante le mie consultazioni prima del Consiglio – le parole dell’esponente dell’Ue – farò appello ai Paesi di essere aperti a una lunga estensione se il Regno Unito riterrà necessario ripensare la propria strategia sulla Brexit e per costruire il consenso attorno a essa». Tutto rimandato a stasera quindi, quando si deciderà se prorogare o meno l’uscita. In caso affermativo, il tutto verrà rimandato come minimo al prossimo mese di giugno, ma c’è chi è convinto che l’uscita possa slittare di addirittura un anno, fino alla primavera del 2020. Ma nel governo inglese sta montando in queste ore il fronte del “no-delay”, i cosiddetti falchi della Brexit contrari alla proroga, e che invece verso l’uscita entro le prossime due settimane, come stabilito da tempo. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

Ultime notizie: 10 morti in una scuola del Brasile

Terribili sono le ultime notizie che ci arrivano dall’altra parte del mondo. 10 morti in una scuola brasiliana, tra di essi anche i due studenti che hanno effettuato la strage. L’efferato fatto di sangue è accaduto in una scuola di Suzano, una popolosa cittadina vicina alla capitale brasiliana. Qui nell’ora della ricreazione due studenti incappucciati hanno fatto irruzione in una scuola armati di una pistola, alcune bombe molotov e alcune armi bianche. Una volta arrivati nel cortile hanno iniziato ad uccidere gli inermi studenti, alla fine presi probabilmente dal panico si sono tolti la vita. I due di cui non si conoscono le generalità erano amici, non è ancora chiaro se frequentavano anch’essi l’istituto scolastico. Non è la prima volta che una strage del genere avviene in Brasile, anche se questa è la più grave per numero di vittime.

Ultime notizie, donna muore per difendere la sua auto

Incredibile episodio quello avvenuto a Noventa Vicentina, un popoloso borgo in provincia di Vicenza. Qui una donna è stata scaraventata fuori dalla sua Mercedes da un bandito che aveva intenzione di sottrargli l’auto, la donna si è però aggrappata alla portiera del mezzo allo scopo di impedire la fuga del malfattore. L’azione non ha impedito che l’uomo cercasse di scappare trascinando la donna, durante la fuga il ladro ha perso il controllo dell’auto che ha sbattuto violentemente contro un palo. L’incidente ha provocato la morte della signora, una 40enne del luogo, il bandito si è allontanato successivamente sull’auto di un complice. Immediatamente è scattata la caccia all’uomo, con gli investigatori che hanno visionato le telecamere di sorveglianza ubicate in zona.

Ultime notizie, pena dimezzata per l’assassino di una donna

A pochi giorni della sentenza che citava come attenuante una “tempesta emotiva” avuta da un uomo che ha ucciso la compagna, arriva l’ennesima sentenza choc. Anche in questo caso a perdere la vita era stata una donna uccisa dal suo partner, per l’uomo che era stato immediatamente arrestato era stata chiesta dal PM la pena massima, 30 anni di reclusione. Il giudice di primo grado del tribunale di Genoa ha però dimezzato la richiesta, riconoscendo le “attenuanti generiche” in quanto l’omicida era pervaso da una “profonda disperazione” legata all’interruzione del rapporto amoroso. Immediate le proteste, non solamente da parte dell’avvocato della donna che aveva trovato la morte, ma anche da parte di Francesca Chiavacci, presidente nazionale dell’Arci. La Chiavacci ha immediatamente richiesto l’introduzione di una norma ad hoc che escluda le attenuanti in caso di femminicidio.

Ultime notizie, stasera Inter e Napoli in Europa League

Speriamo che continuino a sognare le italiane in questa speciale settimana di coppe. Dopo l’impresa della Juventus si spera che nella lista dei qualificati ci saranno anche Napoli e Inter ma in Europa League. Si parte alle 18.55 con gli azzurri che sono forti del risultato dell’andata contro il Salisburgo. Più complicato sarà per l’Inter che in casa si troverà di fronte l’Eintracht Francoforte dopo lo 0-0 dell’andata. Completano la giornata le seguenti sfide: Dinamo Kiev Chelsea; Krasnodar Valencia; Arsenal Rennes; Benfica Dinamo Zagabria; Slavia Praga Siviglia e Villarreal Zenit.

© RIPRODUZIONE RISERVATA