Firenze, foto hot al cimitero/ Residenti di Vinci infuriati: profanate tombe dei cari

Foto hot presso il cimitero di Vinci, in provincia di Firenze: la furia dei residenti

15.03.2019 - Davide Giancristofaro Alberti
Foto hot al cimitero di Vinci, Firenze
Foto hot al cimitero (Canale 5)

A Vinci, alle porte di Firenze, un cimitero è stato profanato da un set fotografico hot: una donna semi nuda su una tomba, con due uomini. Un uomo che è passato di lì si è accorto di quanto stesse accadendo ed ha così deciso di denunciare il tutto alle forze dell’ordine. Poco dopo sono quindi arrivti i carabinieri con i tre ragazzi che sono stati denunciati per atti osceni in luogo pubblico. «Si tratta di un cimitero semi abbandonato, è facile entrarci – racconta l’inviata a Vinci di Pomeriggio 5, pogramma di Canale 5 – è andata così: un passante si è accorto di un movimento strano, una donna seminuda vestita da suora in pose provocanti. Ha quindi chiamato i carabinieri che quando sono giunti sul luogo hanno trovato i tre mentre scattavano delle foto hard. I carabinieri hanno poi sequestrato la macchina fotografica per capire bene cosa stessero facendo, pare delle foto destinate ad alcuni siti». L’inviata ha provato ad intervistare alcuni dei residenti della zona, che si dicono particolarmente arrabbiati vista la profanazione del luogo sacro dove vi sono seppellite i loro cari.

FIRENZE, FOTO HOT AL CIMITERO: RESIDENTI DI VINCI INFURIATI

Al momento sono in corso le indagini e bisognerà capire se verranno presi eventuali provvedimenti nei confronti dei tre (tutti trentenni), e soprattutto, se già in passato sono stati protagonisti di servizi fotografici discutibili come quello appunto che si stava realizzando nei pressi di Firenze. Non va infatti dimenticato che ogni qual volta si occupa il suolo pubblico per un evento che può essere appunto un set fotografico, ma anche un film, una pubblicità e via discorrendo, bisogna chiedere all’amministrazione comunale tutte le autorizzazioni del caso, pagando anche determinate cifre che variano a seconda dell’ambiente in cui si svolge il tutto. Evidentemente i tre erano sprovvisti di questo “lasciapassare”, che comunque non sarebbe arrivato, essendo il cimitero un luogo sacro e di silenzio, non di certo una scenografia per foto sexy.



© RIPRODUZIONE RISERVATA