Omicidio Sana pg Brescia indaga familiari/ Padre, zio e fratello accusati del delitto

Omicidio Sana, il pg di Brescia indaga familiari: il padre, lo zio e uno dei fratelli della 25enne accusati del delitto. Un tribunale pakistano li aveva assolti per mancanza di prove

Sana Cheema
Sana Cheema (Facebook, 2018)

Omicidio di Sana Cheema, il procuratore generale di Brescia indaga i famigliari della ragazza pakistana 25enne: facendo seguito all’apertura, circa due settimane fa, di una inchiesta da parte della Procura lombarda contro ignoti e senza alcuna ipotesi di reato, il pg Pier Luigi Maria Dell’Osso che aveva avocato a sé l’inchiesta sulla morte della ragazza ha iscritto nel registro degli indagati non solo il padre e lo zio di Sana ma anche uno dei suoi fratelli e l’accusa a loro carico è quella di omicidio, da cui tuttavia erano stati assolti di recente da un tribunale pakistano. In seguito a quella sentenza, anche il premier italiano Giuseppe Conte si era sentito in dovere di scrivere al suo omologo pakistano affinché fosse fatta giustizia per Sana e diversi esponenti del mondo politico, tra cui il Ministro degli Interni Matteo Salvini e la parlamentare di Fratelli D’Italia, Daniela Santanché, si erano scagliati contro la follia dell’estremismo islamico.

IL PG DI BRESCIA INDAGA I FAMILIARI

Come si ricorda, Sana (residente a Brescia da tempo) era stata trovata morta strangolata in Pakistan lo scorso aprile dopo aver rifiutato di acconsentire a sposare un uomo scelto dai suoi familiari nel più classico dei matrimoni combinati ancora purtroppo in voga nel Paese asiatico. I tre uomini attualmente iscritti nel registro degli indagati per omicidio dal procuratore generale di Brescia erano stati in un primo momento arrestati ed erano finiti a processo presso il tribunale pakistano di Gujarat assieme ad altre 8 persone, tutte però assolte e scagionati addirittura da qualsiasi accusa dato che secondo il giudice non c’erano “prove sufficienti” e inoltre si contestava la totale mancanza di testimoni.



© RIPRODUZIONE RISERVATA