ULTIME NOTIZIE/ Di oggi, ultim’ora. Genitori Renzi: revoca domiciliari (8 marzo 2019)

- Carmine Massimo Balsamo

Ultime notizie di oggi, ultim’ora. Revocati i domiciliari ai genitori di Matteo Renzi (8 marzo 2019)

Matteo Renzi e il padre Tiziano
Tiziano e Matteo Renzi (LaPresse, 2019)

Sono stati revocati gli arresti domiciliari ai genitori di Matteo Renzi. La misura interdittiva per Tiziano e Laura Bovoli era stata ufficializzata lo scorso 18 febbraio, con il padre e la madre dell’ex presidente del consiglio che erano rimasti coinvolti in un giro di fatturazioni false e bancarotta. A riportare in libertà i genitori dell’ex Premier, il tribunale del riesame di Firenze, che ha altresì deciso che Tiziano Renzi e Laura Bovoli non potranno svolgere attività imprenditoriali per i prossimi 8 mesi. «Tiziano Renzi e Laura Bovoli – il commento dell’avvocato dei genitori di Renzi, Federico Bagattini – sono persone libere, per i prossimi otto mesi non potranno svolgere attività imprenditoriale. La difesa – aggiunge l’avvocato – esprime la propria soddisfazione alla quale si unisce quella dal punto di vista umano dei coniugi Renzi». La decisione dei domiciliari aveva creato non poche polemiche, ed erano diversi gli esponenti politici che si erano espressi sulla vicenda, a cominciare dallo stesso ex segretario del Partito Democratico, che si era detto profondamente scosso per quanto accaduto. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

Ultime notizie: Tav, spunta studio segreto dell’Ue

E’ mistero sullo studio segreto pro-Tav redatto dall’Unione Europea, e che è stato sottoscritto anche dal professor Ponti. Già, proprio colui deliberatamente “No Tav” e che nelle scorse settimane aveva guidato l’analisi costi-benefici commissionata dal ministero dei trasporti e delle infrastrutture, e che di fatto aveva bocciato in maniera palese l’alta velocità. Sentendosi tirato in causa, giustamente, il professore Ponti ha spiegato che la relazione Ue in questione è “soltanto un’analisi sui benefici derivanti dell’opera”, le parole rilasciate ai microfoni del programma Mattino Cinque, in onda su Canale 5. Ponti ha quindi aggiunto che il documento «Si riferisce al valore aggiunto, fondato sul moltiplicatore keynesiano, metodo che non ha nulla a che fare con l’analisi costi-benefici. Chiamare questa opera anticiclica mi sembra molto ardito, in dieci anni l’occupazione creata è piccolissima per euro speso». Il professore ha voluto difendere il proprio lavoro sottolineando di non essere uno schiavo di Toninelli: «Ho fatto analisi per Ocse, Commissione europea, banca mondiale, credo di non essere uno schiavo di Toninelli». (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

Ultime notizie, omicidi Nuoro, confermate condanne

Nuoro, confermata in Cassazione la condanna a venti anni di reclusione per Paolo Enrico Pinna, il 21enne di Nule ritenuto responsabile del duplice omicidio di Gianluca Monni e di Stefano Masala. I giudici della Corte hanno rigettato le argomentazioni dei legali di Pinna, minorenne all’epoca dei fatti (2015): i due avvocati contestavano l’impianto accusatorio che ha portato alle sentenze di primo e secondo grado. Comminata, dunque, la pena massima di reclusione per un minorenne. Ricordiamo inoltre che nell’ottobre 2018 il tribunale id Nuoro aveva condannato all’ergastolo il 22enne Alberto Cubeddu, complice di Pinna nel duplice delitto.

Ultime notizie economia, la BCE cerca di dare ossigeno ai consumi

Con due mosse inaspettate la Banca Centrale Europea cerca di immettere liquidità nell’economia reale e lo fa varando un nuovo piano di aiuto per gli istituti di credito. Mario Draghi ha infatti firmato una direttiva con la quale approva un piano di finanziamento a lungo termine e la continuazione del regime di denaro ad interesse zero. La motivazione alla base dei nuovi aiuti risiede nella stagnazione dell’economia reale, stagnazione che di fatto ha vanificato la ripresa che gli economisti attendevano. Le misure arrivano a pochi mesi dalla fine del Quantitative Easing.

Ultime notizie reddito di cittadinanza, braccio di ferro Governo-Regioni

Il ruolo dei precettori del reddito di cittadinanza al di dentro delle istituzioni, in special modo le Regioni, continua a far alzare il tema dello scontro su una delle norme più attese del governo giallo verde. Le Regioni , secondo quanto previsto dall’esecutivo, dovrebbero gestire tutti coloro che iniziano il percorso di “assunzione” mentre usufruiscono del reddito; le istituzioni locali temono però che, così facendo, si possa innescare una nuova forma di precariato. Intanto è stata res< nota la prova che dovrebbe portare all’individuazione dei Tutor: un quiz a risposte multiple su diverse materie, con il “concorso” dovrebbe portare all’assunzione di circa 60.000 figure professionali che seguiranno i precettori del reddito di cittadinanza.

Ultime notizie Tav, nulla di fatto

Tav, dopo un lunghissimo vertice durato oltre 5 ore non si è raggiunto nessun accordo relativamente all’alta velocità. Emerse delle criticità relativamente ai costi e, anche per questo motivo, il presidente del consiglio Giuseppe Conte ha convocato il direttore generale di Telt Mario Virano. In attesa di un altro vertice restano distanti le posizioni tra i due alleati di governo: se da una parte i grillini continuano a dire un “no” secco all’opera, dall’altra parte fonti vicino a Salvini fanno notare che l’opera è insostituibile per la rete viaria italiana. Lo scontro è cosi alto che nella giornata di ieri il vice premier Di Maio ha convocato i senatori grillini per ragguagliarli. Intanto dall’Europa arriva il monito a sbrigarsi, stante la possibile perdita di oltre 800 milioni di euro di contributi.

Ultime notizie Champions League, Roma beffata dal Porto

Roma fuori dalla Champions a causa della partita perso per 3 a 1 in casa del Porto. Sull’eliminazione pesa però pesantemente la condotta arbitrale, con il direttore di gara, il turco Cakir, che alla fine dei supplementari ha assegnato con la VAR un contestatissimo rigore ai padroni di casa. Il comportamento è stato stigmatizzato da tutta la squadra italiana, anche in virtù del fatto che 4 minuti dopo Cakir non ha voluto rivedere in video uno sgambetto di Marega ai danni di Schick. Oltre l’eliminazione della Roma che ha portato all’esonero del tecnico, nelle partite di martedì spicca la sconfitta del PSG, i francesi dati per favoriti della competizione si sono arresi agli inglesi del Manchester United, sul banco degli imputati anche Gigi Buffon reo di un incredibile “papera”. Questa sera per l’Europa League in campo l’Inter e il Napoli rispettivamente contro l’Eintracht e il Salisburgo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA