Guasto a cavo sottomarino Terna: Elba senza corrente/ Blackout ma “ospedale funziona”

- Emanuela Longo

Isola d’Elba, guasto a cavo sottomarino Terna: blackout totale di quasi due ore, popolazione rimasta senza corrente ma governatore Toscana assicura “ospedale funziona”

Isola d'Elba
Isola d'Elba (Pixabay)
Pubblicità

Grandi disagi all’Isola d’Elba, dove un guasto al cavo sottomarino con il quale Terna porta l’energia elettrica ha lasciato totalmente senza corrente gran parte della popolazione per quasi due ore. A darne notizia è TgCom24 che spiega l’arduo lavoro compiuto dai tecnici, i quali si sono messi al lavoro per risolvere il guasto usando i cavi in dotazione da E-Distribuzione (società del gruppo Enel). Nel frattempo non è cessato il lavoro dei tecnici Terna che stanno tentando di ripristinare il guasto del cavo sottomarino di alta tensione, fortunatamente senza ulteriori disagi alle famiglie e soprattutto alle aziende dell’Elba. Secondo quanto fatto sapere dalla Terna, il guasto del cavo sarebbe stato causato da una ditta esterna che stava operando nella zona. In merito ai tempi di ripresa del servizio elettrico, si legge in un comunicato ufficiale dell’azienda, questi sono dipesi essenzialmente “dalla necessità di un intervento manuale sull’alimentazione di soccorso in media tensione da parte del distributore locale contestualmente al mancato avviamento del gruppo di generazione essenziale presente sull’isola”.

Pubblicità

GUASTO CAVO SOTTOMARINO TERNA: NESSUNA INTERRUZIONE IN OSPEDALE

Il blackout totale ed improvviso che si è verificato oggi all’Isola d’Elba ha rischiato di provocare grandi disagi non solo ai comuni cittadini ma anche alle aziende, in particolare quelle sanitarie. Tuttavia, a tranquillizzare su questo aspetto ci ha pensato il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, che tramite il suo profilo Facebook ha fatto sapere: “I servizi sanitari dell’ospedale, comprese le attrezzature tecniche sofisticate hanno continuato a funzionare regolarmente senza alcun problema”. I generatori, infatti, garantiscono una autonomia di ben tre giorni. “Un atto dovuto e una conferma della serietà dell’organizzazione dei servizi sanitari regionali”, ha aggiunto il governatore, che ha approfittato per questo disagio per rimarcare questo aspetto positivo della Regione. L’ospedale di Portoferraio ha confermato l’assenza di corrente ma la Asl ha ribadito la messa in sicurezza dell’intera struttura. Nessuna interruzione è stata segnalata e gli interventi prioritari e d’urgenza saranno garantiti. Certamente il blackout ha provocato comunque dei disagi non indifferenti dal momento che anche le centraline dei telefoni cellulari sono rimaste senza energia elettrica, rendendo gli stessi dispositivi irraggiungibili.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità