Valeria Pinna, incendiata auto della giornalista/ Oristano, “intimidazione vigliacca”

- Carmine Massimo Balsamo

Oristano, in fiamme la macchina della giornalista Valeria Pinna: solidarietà bipartisan, le parole del sindaco Andrea Lutzu.

foggia bomba centro anziani
Immagine di repertorio (Youtube, 2019)

Oristano, grande paura per Valeria Pinna, giornalista de L’Unione Sarda: la sua automobile è stata distrutta da un incendio doloso. Secondo una primissima ricostruzione, l’attentato è stato messo a segno dopo le 3.30 quasi sicuramente con della benzina: la cronista ha chiesto l’intervento dei vigili del fuoco e della polizia, scattate le indagini per individuare i colpevoli del gesto. Il mondo del giornalismo si è schierato al fianco di Valeria Pinna, che ha ricevuto solidarietà bipartisan. Ecco il commento de L’Unione Sarda: «Il comitato di redazione de L’Unione Sarda e quello di Videolina esprimono solidarietà e vicinanza alla collega Valeria Pinna, bersaglio di un grave atto intimidatorio stanotte davanti alla sua abitazione a Oristano. Ignoti, vigliacchi, hanno dato fuoco alla sua auto. Ritorsione contro i suoi pezzi di cronaca perché in certe realtà, evidentemente, riportare la verità è pericoloso per chi vuole svolgere la professione in modo corretto nei confronti dei lettori».

INCENDIATA L’AUTO DI VALERIA PINNA AD ORISTANO

Sul fatto è intervenuto anche il sindaco di Oristano Andrea Lutzu: «Esprimo totale solidarietà alla giornalista Valeria Pinna anche a nome della città. Sono fatti che lasciano una grande amarezza per la stupidità di chi sceglie la strada dell’intimidazione vigliacca e anonima. Oltretutto azione inutile perché una professionista come lei, per quanto giustamente preoccupata, non cederà a queste minacce dal sapore mafioso. Spero che il colpevole sia presto identificato e messo di fronte alle sue responsabilità». Queste, invece, le parole della Presidente della Commissione Pari Opportunità Alessandra Pusceddu: «Come donne ci sentiamo vicine a Valeria Pinna, alle colleghe che come lei hanno sempre manifestato attenzione per i temi che ci stanno a cuore, con sensibilità e coraggio, cosa che fa onore alla professione e alla crescita civile della Comunità».



© RIPRODUZIONE RISERVATA