Roma, pirata della strada investe e uccide operaio sul Gra/ Era stato appena assunto

- Dario D'Angelo

Francesco Florio, 50 anni, è morto travolto da un pirata della strada sul cantiere dove stava lavorando da pochi giorni: l’automobilista ha tentato la fuga.

Scontro auto-moto
Scontro auto-moto (LaPresse, 2018)

Francesco Florio, 50 anni, di Acuto, era stato assunto soltanto da qualche giorno per lavorare in un cantiere sul Gra di Roma. La sua vita, però, ieri sera è stata spezzata da un pirata della strada che lo ha investito nei pressi dello svincolo per l’autostrada Roma-Napoli, all’altezza del km 39. Come riportato da Il Messaggero, l’uomo alla guida della vettura dopo l’impatto ha proseguito nella sua folle corsa, ma poco dopo è stato rintracciato dalla polizia e denunciato per omicidio stradale, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. L’automobilista, secondo quanto riportato da Frosinone Today, sarebbe piombato a velocità sostenuta all’interno del cantiere intorno alle 23:30 di ieri, lunedì 1 aprile, centrano in pieno lo sfortunato operaio ciociaro Francesco Florio con la sua Volkswagen Golf.

ROMA, PIRATA DELLA STRADA INVESTE E UCCIDE OPERAIO SUL GRA

Il pirata della strada che ieri sera ha investito e ucciso Francesco Florio, secondo quanto riferito da Roma Today, sarebbe un uomo italiano di 51 anni. Quando le forze dell’ordine si sono portate su di lui, l’automobilista avrebbe opposto resistenza: da qui le denunce per resistenza e lesioni. Sono in corso anche degli accertamenti se nel momento in cui è piombato all’interno del cantiere posto sul Grande Raccordo Anulare di Roma, l’automobilista fosse lucido o se invece non fosse sotto effetto di alcol o sostanze stupefacenti. Resta in ogni caso un tragico destino quello di Francesco Florio, assunto pochi giorni fa da una ditta di San Cesareo impegnata in lavori sulle grosse arterie stradali e morto sul posto di lavoro. La vittima lascia una moglie e un giovane figlio di 25 anni.



© RIPRODUZIONE RISERVATA