SANTA SARA DI ANTIOCHIA/ Il 20 aprile si ricorda il suo martirio

- Cinzia Costa

Il 20 aprile si celebre Santa Sara di Antiochia, che trovò la morte a causa della fede: fece battezzare i figli contro il volere del marito e le disposizioni imperiali romane.

Santa sara di antiopia immagine pinterest 2019 e1548672380952 640x300
Santa Sara di Antiochia, immagine Pinterest

Il 20 aprile viene ricordata dalla Chiesa Cattolica Santa Sara di Antiochia. La sua storia è legata a quella delle persecuzioni contro i cristiani che caratterizzano i primi secoli in cui il cristianesimo si diffuse. Della sua vita si conosce poco. L’unica fonte è quella del Sinassario Alessandrino nel quale vengono raccontate le vite di una serie di Santi. Sara di Antiochia nacque tra il III e il IV secolo e visse sotto l’imperatore Diocleziano. Sappiamo che andò in sposa a un ufficiale al seguito dell’imperatore, un certo Socrate, il quale si era convertito al cristianesimo, ma che per paura dei nuovi editti imperiali aveva rinnegato la fede. Santa Sara decide di mantenere il suo legame con la religione anche se in segreto. Avendo due figli e volendoli fare battezzare, dato che ad Antiochia non era possibile, decise di recarsi ad Alessandria d’Egitto. Una volta in mare la nave fu colta da un’improvvisa tempesta.

SANTA SARA DI ANTIOCHIA, IL MARTIRIO

Sara per paura di un naufragio e di perdere i suoi figli ancora non battezzati, decide di incidersi il petto e con il sangue disegnare il simbolo della croce sulla fronte dei bambini. Seguendo il rito del battesimo li immerse tre volte in acqua. La tradizione vuole che una volta eseguito il sacro battesimo dalla madre, la tempesta improvvisamente si placò. La nave riuscì a raggiungere Alessandria d’Egitto e Santa Sara si recò immediatamente dal Vescovo Pietro che stava in quel momento battezzando altri bambini. Ogni volta che la donna avvicinava i bambini alla fonte battesimale, l’acqua si trasformava in ghiaccio. L’episodio avvenne per ben tre volte. Così il vescovo chiese a Sara spiegazioni e ascoltato il racconto, la rassicurò che non era necessario ripetere il battesimo. Così Santa Sara decise di ritornare ad Antiochia e raccontò al marito cosa era accaduto, sperando che l’episodio potesse riportarlo alla fede cristiana. Invece il compagno lo riferì all’imperatore. Diocleziano furente, non ricevendo spiegazioni da Sara la mise a rogo insieme ai suoi figli.

Il 20 aprile si ricordano anche Sant’Agnese da Montepulciano, Sant’Anastasio da Oria, San Donnino di Digne, San Marciano da Auxerre, Beato Michele Coquelet, Beata Oda, Beato Simone da Todi.



© RIPRODUZIONE RISERVATA