Accoltellò fidanzata al petto: chiesti 30 anni/ Pm Milano: “Ha ucciso per gelosia”

- Silvana Palazzo

Milano, accoltellò fidanzata al petto: chiesti 30 anni per Antonio Nunez Martinez. Il pm di Milano: “Ha ucciso per gelosia”. La sentenza potrebbe arrivare a settembre

antonio nunez alexandra mora alvarez facebook
Antonio Nunez e Alexandra Mora Alvarez

Sono stati chiesti 30 anni di carcere per Antonio Nunez Martinez, imputato per l’omicidio di Mora Alvarez Alexandra del Rocio. Il dominicano aveva accoltellato a morte la compagna ecuadoriana di 49 anni il 10 giugno a Milano. Il 42enne ha confessato l’omicidio a inquirenti e investigatori, spiegando che lo aveva commesso per gelosia. E oggi il pm di Milano Gianluca Prisco, nel processo con rito abbreviato davanti al gap Giulio Fanales, ha avanzato tale richiesta. Antonio Nunez Martinez è accusato di omicidio volontario aggravato dai futili motivi. L’udienza è stata rinviata dal giudice al prossimo 11 settembre, e quel giorno potrebbe arrivare la sentenza. La coppia, lui magazziniere in una ditta di spedizioni e incensurato e lei portinaia, la sera del 10 giugno erano usciti insieme ed erano andati a ballare in un disco pub molto frequentato da sudamericani. Dopo una lite per motivi di gelosia, Martinez accoltellò la compagna al petto, in strada. La donna morì poi in ospedale.

ACCOLTELLÒ FIDANZATA AL PETTO: CHIESTI 30 ANNI

Antonio Nunez Martinez parlò nella sua confessione di «un momento di rabbia, uno scatto nervoso, perché lei era gelosa». Stava insieme a Mora Alvarez Alexandra del Rocio da qualche mese. E quella sera erano usciti in discoteca. «Avevamo bevuto tanto, tanto… almeno una cinquantina di birre in due». Ma anche lui era geloso: i vicini di casa hanno raccontato che la donna non usciva più di casa come prima e si vestiva in maniera meno appariscente. Stando a quanto riportato da Il Giorno, di quella cinquantina di birre lui ne bevve trentacinque, lei almeno venti, forse anche di più. A quel punto entrambi avrebbero quasi perso coscienza e in un momento successivo sarebbe scoppiata la lite delirante. Lui era seduto, lei in piedi: si è girato e l’ha accoltellata al petto, uccidendo la donna che aveva un bambino di sette anni. Oggi la richiesta di 30 anni di carcere nell’ambito del processo con rito abbreviato.



© RIPRODUZIONE RISERVATA