Alessandro Benucci, morto a Piombino nel 2017/ La famiglia “Qualcuno l’ha ucciso”

Alessandro Benucci è morto a ottobre del 2017: suicidio o omicidio? La famiglia non crede alla prima ipotesi

Alessandro Benucci, chi l'ha visto
Alessandro Benucci (Rai)

Mistero attorno alla morte di Alessandro Benucci un 36enne di Piombino trovato senza vita il 25 ottobre del 2017, ai piedi della scogliera cittadina. Apparentemente sembrerebbe trattarsi di un suicidio, ma la famiglia non crede a tale versione dei fatti, convinta invece che il loro caro sia stato ammazzato. Ed in effetti, come racconta la trasmissione di Rai Tre, “Chi l’ha visto?”, sono molti i dettagli che fanno riflettere, a cominciare dal fatto che Benucci stesse vivendo un bel periodo della sua vita, essendo sua moglie incinta del loro primo bimbo. Stava preparando la casa affinchè fosse il più accogliente possibile per il nuovo arrivato, ma misteriosamente si sarebbe ucciso dopo una serata in città. Quella sera aveva girato per alcuni bar in compagnia di un amico, i due si sarebbero lasciati attorno alla mezzanotte, e la morte di Alessandro, secondo l’esame dell’autopsia, sarebbe giunta attorno alle ore 3:00 della notte fra il 26 e il 27 ottobre di due anni fa. «Tutti i traumi sono avvenuti sul lato sinistro fra torace e addome – spiega il medico legale a Chi l’ha Visto? – come se sia stato menato da qualcuno sul fianco sinistro soprattutto».

ALESSANDRO BENUCCI, MORTO A PIOMBINO NEL 2017

Secondo il padre, Alessandro sarebbe stato portato di sotto alla scogliera, e quindi malmenato e ucciso: «Non ha un graffio sulle mani, non ha i vestiti rovinati, mi dovete spiegare come abbia fatto a precipitare per 25 metri senza farsi nulla – le parole del padre – sono convinto che sia stato portato giù con un tranello e sia stato ammazzato: solo un amico, una persona di cui si fidava, poteva portarlo lì». Stesso pensiero del fratello, che afferma: «E’ morto per questioni legate a dei debiti e alla droga». Alessandro aveva infatti un passato difficile, da tossicodipendente dopo una storia d’amore finita male, e aveva contratto grossi debiti con delle persone sbagliate. Possibile che nella notte della sua morte abbia incontrato qualche suo “strozzino”, e che la situazione sia degenerata? La famiglia chiede verità e giustizia.



© RIPRODUZIONE RISERVATA