CARIGE, BLACKROCK SI TIRA FUORI/ Salvataggio di stato e ricapitalizzazione stile Mps?

- Davide Giancristofaro Alberti

Salta l’operazione Blackrock che avrebbe dovuto salvare la banca ligure Carige

Carige Palazzo Lapresse1280
Lapresse

Blackrock molla Carige e adesso l’ipotesi di un salvataggio di Stato nei confronti dell’istituto genovese non è più tanto peregrina. Secondo quanto riportato da Repubblica con un articolo precedente alla notizia della ritirata ufficiale del fondo, l’indiscrezione del no del colosso americano all’acquisizione di Banca Carige “piombata in Italia in serata, getta nello sconforto i commissari dell’istituto genovese, l’advisor finanziario Mediobanca e le prime linee del governo e delle istituzioni, che da settimane costruivano faticosamente l’operazione che avrebbe dato al gestore di 6.500 miliardi di dollari il controllo della banca ligure”. Secondo l’articolo di Andrea Greco, “a questo punto i tempi – già dilatati – stringono davvero”. Dopo il passo indietro di Varde, l’altro fondo Usa candidato, il caso Carige rischia di tornare sul tavolo politico, già scosso in vista delle elezioni europee. E per Repubblica, “il fronte M5S potrebbe avere la tentazione di procedere con una ricapitalizzazione pubblica, magari per gestire il destino della banca in asse con Mps (già del Tesoro per il 68%). Il decreto per ‘l’aumento precauzionale’, (leggi ricapitalizzazione precauzionale) del resto, ricalca quello scritto per Siena nel 2017”. (agg. di Dario D’Angelo)

IL PASSO INDIETRO DI BLACKROCK

Blackrock, il comitato di investimenti americano, ha dato parere negativo in merito al salvataggio della banca Carige. L’operazione prevedeva un investimento superiore ai 400 milioni di euro, con l’aggiunta di un aumento di capitale da 720 milioni, ma evidentemente è stata ritenuta troppo rischiosa dagli statunitensi. Secondo quanto stabilito fino a poche ore fa, come ricorda AffariItaliani.it, Blackrock avrebbe dovuto sottoscrivere il 25% dell’aumento di capitale, girando altre quote ad altri investitori, ma si è tirato fuori sul più bello, rimettendo nuovamente a rischio la stessa banca genovese. «I commissari comunicano che – ha fatto sapere stamane lo stesso istituto ligure – al termine di un articolata fase preparatoria nell’ambito della quale si inquadra la delibera del Consiglio di Gestione dello Schema Volontario di lunedì 6 maggio, il fondo BlackRock ha ritenuto di non dare ulteriore corso alla sua iniziale manifestazione di interesse». La nota ha quindi aggiunto e concluso: «Proseguono le valutazioni riguardanti ulteriori soluzioni di mercato finalizzate ad assicurare stabilità e rilancio di Banca Carige. Restano, in ogni caso, ferme le previsioni del titolo II del DL 8 gennaio 2019 che consentono l’eventuale avvio dell’iter per la richiesta di ricapitalizzazione precauzionale al Ministero dell’Economia».

CARIGE, SALTA L’OPERAZIONE BLACKROCK

Un vero fulmine e ciel sereno quanto accaduto alla Carige, alla luce anche delle dichiarazioni ottimistiche di ieri del ministro del lavoro e dello sviluppo economico, Luigi Di Maio, che aveva fatto sapere come il Fondo interbancario di tutela dei depositi avesse approvato l’intervento su Carige da parte di Blackrock, con convocazione dell’assemblea per il 14 maggio. L’esponente grillino aveva inoltre parlato della Carige come di «ennesimo caso di banca portata sull’orlo del fallimento a causa di una gestione scellerata e commistioni politiche. Siamo a lavoro perchè paghi il conto chi è responsabile e non chi è vittima». Ora è tutto nuovamente da rifare e a questo punto sembra ormai scontata la ricapitalizzazione della banca con i soldi pubblici, un salvataggio di stato molto simile a quello già attuato per la Monte dei Paschi di Siena.

© RIPRODUZIONE RISERVATA