Caserta, bimbe maltrattate: genitori negano/ La nonna “Fate qualcosa per mia figlia”

- Emanuela Longo

Bimbe picchiate a Caserta dai genitori: loro negano in lacrime. Il commento della nonna materna a Pomeriggio 5

Bimbe picchiate a Caserta, parla la nonna
Bimbe picchiate a Caserta, parla la nonna (Pomeriggio 5)

I genitori delle due piccole bambine di 3 anni e 6 mesi picchiate a Caserta ed accusati dei maltrattamenti, interrogati dal gip hanno negato le accuse rispondendo in lacrime e fornendo la loro versione dei  fatti. Del caso torna ad occuparsene anche oggi la trasmissione Pomeriggio 5, dopo le ultime esternazioni da parte dei nonni paterni i quali, parlando dei lividi riportati sul corpo delle bimbe avevano avanzato una teoria fuori da ogni logica. Oggi, ad intervenire in collegamento con la trasmissione condotta da Barbara d’Urso ci sarà la mamma di Anna, che renderà la sua versione e commenterà la presenza dei numerosi lividi riscontrati dai sanitari. In carcere dallo scorso 30 aprile, intanto, i due genitori sono stati ascoltati nei giorni scorsi dal giudice per le indagini preliminari del tribunale di Santa Maria Capua Vetere (Caserta). Entrambi hanno negato di aver fatto del male alle due figlie ma su alcune circostanze si sarebbero anche incolpati a vicenda. Le due piccole sono state affidate ad una casa famiglia prima dell’arresto della mamma e del papà. Sul loro corpo, oltre ai lividi erano state riscontrate anche molte fratture. La difesa della coppia ha presentato una istanza di scarcerazione chiedendo i domiciliari.

CASERTA, BIMBE MALTRATTATE: LE PAROLE DELLA NONNA

Maria Domenica, nonna delle due bimbe maltrattate a Caserta, è intervenuta oggi a Pomeriggio 5. La donna ha voluto essere a tutti i costi in diretta per difendere la figlia Anna. “Fate qualcosa per Anna”, ha chiesto l’anziana madre, ribadendo il suo appello in diretta tv. Sulle accuse di maltrattamento alle figlie ha spiegato: “Non credo possa aver picchiato le bimbe. Lei le sgridava ma non le picchiava”. Ma chi, allora, potrebbe aver fatto del male alla bimba? “Non so niente”, ha commentato all’inviata del programma. “Io non me la sento di dirle quello che penso”, ha commentato Barbara d’Urso di fronte alla reazione tenera della donna di 81 anni, del tutto inconsapevole della gravità di quanto accaduto. A prendere la parola, allora, è stato il fratello di Anna, Giovanni, mentre la donna ha continuato a stargli accanto, ma senza l’auricolare (per volere della conduttrice) per non sentire le pesanti accuse rivolte da alcune testimoni alla figlia attualmente in carcere.



© RIPRODUZIONE RISERVATA