Concorso Camera dei Deputati 2019/ 4 bandi per 300 posti: date, requisiti e stipendi

- Niccolò Magnani

Concorso Camera dei Deputati, 4 bandi per 300 posti di assunzione dal prossimo luglio fino al 2020: date, materie, prove d’esame e requisiti

sblocca cantieri
Lapresse

Arriverà a luglio e sarà il primo di 4 bandi di concorso per la Camera dei Deputati che mette in palio complessivamente 300 nuovi posti di assunzione come consiglieri, portaborse, cancellieri e altro personale di servizio all’interno del Parlamento italiano con stanza a Montecitorio. I posti disponibili complessivi saranno tra i 250 e i 300, gli stipendi varieranno dai 40 ai 300 mila euro lordi – ovviamente a seconda della mansione e dell’anzianità – e i bandi saranno in tutto 4, fino al 2020. In particolare a luglio è previsto il primo di questi 4 bandi per il “maxi concorsone” alla Camera che determinerà la candidatura dei consiglieri parlamentari: per i dettagli, in particolare il numero esatto di posti a disposizione in questo primo bando, occorrerà attendere a luglio la pubblicazione del bando di concorso ufficiale, ma dalle colonne de Il Tempo si possono già avere diverse anticipazioni importanti per tutti coloro che proveranno a lanciare la propria candidatura nei prossimi mesi. Attualmente «i consiglieri parlamentari sono 127 e svolgono funzioni di organizzazione e direzione amministrativa, di revisione e controllo delle procedure contabili, di certificazione, di consulenza procedurale, di studio e di ricerca, di assistenza giuridico-legale, di organizzazione e direzione delle attività connesse alle relazioni istituzionali con enti nazionali e internazionali», spiegano i colleghi de Il Tempo.

CONCORSO CAMERA DEI DEPUTATI: REQUISITI E MATERIE

Tra i principali requisiti che occorreranno per poter partecipare al concorso pubblico per la Camera dei Deputati, vi è la laurea quinquennale e la conoscenza di una lingua straniera a scelta tra inglese, francese e spagnolo. Per quanto riguarda invece le prove d’esame per il primo bando di concorso, al momento si sa che saranno due scritte e due orali. In merito agli scritti, secondo le fonti di Montecitorio la prima prevede quesiti a risposta multipla su diritto costituzionale, diritto e procedura parlamentare, diritto amministrativo, diritto civile, diritto dell’Unione europea e politica economica. La seconda prova scritta invece sarà sulla seconda sulla storia d’Italia dal 1848 a oggi e, in maniera specifica, su diritto costituzionale, parlamentare, amministrativo e civile; mentre per gli orali si aggiungerà anche la conoscenza di una lingua straniera (inglese, francese o spagnolo). Utile e interessante la parte relativa agli stipendi per i consiglieri parlamentari della Camera: «lo stipendio per il primo bando varia dai 65mila euro lodi all’anno ai 360mila dopo quarant’anni di servizio. La retribuzione dopo dieci anni di lavoro è di 146 mila euro lordi», sottolinea Lentepubblica.it con le anticipazioni sul banco di concorso.



© RIPRODUZIONE RISERVATA