Elicottero caduto a Mantova: morto Alessandro Bonacini/ Una manovra azzardata?

- Niccolò Magnani

Elicottero caduto a Mantova, l’imprenditore di Cellular Line, Alessandro Bonacini, morto: una manovra azzardata?

Elicottero
Elicottero, foto di repertorio (LaPresse, 2019)

Avrebbe dovuto compiere 38 anni il prossimo 23 novembre Alessandro Foglio Bonacini, il manager deceduto nella mattinata di ieri dopo essere precipitato con un elicottero in provincia di Mantova. Ma cosa è successo al velivolo del noto imprenditore figlio del fondatore dell’azienda Cellular Line? L’elicottero è andato in stallo a circa 200 metri di altezza, poi ad un certo punto è sobbalzato, come scrive Il Giorno, l’elica si è fermata e il motore ha inizio a perdere pezzi. Un silenzio agghiacciante, spettrale, poi in pochi istanti l’elicottero è precipitato al suolo, un impatto mortale con il terreno. Il velivolo, un Robinson R22 Beta 2, era stato noleggiato ieri mattina presso l’aeroporto di Carpi, e alle 11:30 circa stava sorvolando la zona industriale di Pegognaga, dove lavora un amico di Foglio. Dopo la caduta il mezzo si è schiantato su un impianto di distribuzione di metano, e di conseguenza è subito scattato l’allarme, con l’intervento tempestivo dei carabinieri e dei vigili del fuoco che hanno isolato la zona e messo in sicurezza tre capannoni, bloccando le condutture del gas. Foglio si occupava di supercar, alla guida del Garage Dumat di Montecavolo, nel Reggiano, specializzato nella vendita di auto storiche e di lusso. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

ELICOTTERO CADUTO A MANTOVA: MORTO ALESSANDRO BONACINI

Aveva noleggiato un elicottero un quarto d’ora prima, e stava sorvolando la zona industriale di Pegognaga per salutare un amico quando il velivolo è andato in stallo, precipitando dopo un volo di 200 metri. Così è morto Alessandro Foglio Bonacini, ex direttore finanziario della nota azienda Cellular Line fondata da suo padre, 37 anni originario del Reggiano, padre di due figli piccoli e sposato. Non vi è stato scampo per il giovane manager, morto dopo il tremendo impatto. Un destino beffardo per lui, che probabilmente si è fidato troppo delle sue capacità (aveva il brevetto di volo da qualche anno), perdendo poi il controllo del mezzo. «L’ho visto sorvolare il capannone della mia azienda di demolizioni d’auto – racconta Raffaele Nora, l’amico che Bonacini stava salutando – ero nel cortile, ho notato l’elicottero compiere due-tre giri e poi l’ho visto come bloccarsi in aria. Si è quasi capovolto. Poi ho visto il rotore disintegrasi e i pezzi cominciare a cadere. Sono corso nel capannone spaventato per mettere in salvo mia moglie, che era in ufficio, e gli altri operai. Poi ho sentito uno schianto». Nora ha immediatamente allertato i soccorsi, ma quando sono giunti sul luogo gli uomini del 118 e dei vigili del fuoco, non vi è stato più nulla da fare per l’amico. L’agenzia per la sicurezza del volo ha effettuato una perizia per stabilire con esattezza le cause dell’incidente: un errore umano o un guasto tecnico? (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

MANTOVA, MORTO IN ELICOTTERO BONACINI DI CELLULAR ITALIA

E’ Alessandro Foglio Bonacini la vittima del tragico incidente in elicottero avvenuto oggi nei pressi di Mantova. La vittima, come rivela Italiasera.it, aveva 38 anni ed il suo era un nome molto celebre in ambito imprenditoriale, essendo un manager ed ex direttore finanziario di Cellular Line Italia. Alessandro, originario di Reggio Emilia, aveva noleggiato l’elicottero ed era partito dall’eliporto di Carpi ma per circostanze sulle quali sono in corso tutti gli accertamenti del caso, il mezzo è precipitato nella zona industriale di Pegognaga. per l’uomo l’incidente gli è stato fatale. Alessandro era il figlio di Pietro Foglio, fondatore della Cellular Line e di cui era stato direttore finanziario. Intorno alle 11.30 il tragico incidente nel quale l’elicottero sul quale era a bordo è andato a impattare una cabina per la distribuzione del gas. Giunti sul posto i vigili del fuoco sono stati costretti ad evacuare tre capannoni e a interrompere l’erogazione del carburante. Secondo le prime indiscrezioni sulla dinamica, pare che l’elicottero pilotato da Bonacini possa aver avuto un guasto all’elica che ha poi provocato la caduta. (Aggiornamento di Emanuela Longo)

INCIDENTE ELICOTTERO: MORTO PILOTA

Si temono purtroppo diverse vittime nell’incidente choc avvenuto poco fa a Pecognaga, in provincia di Mantova: un elicottero è precipitato nella zona industriale appena fuori dal paese poco prima delle 11.30 in una traversa di Via Guido Rossa, non distante dallo svincolo dell’autostrada. Dalle prime informazioni filtrate dalla Gazzetta di Mantova, l’elicottero pare fosse un velivolo atto ai rilevamenti fotografici dall’alto: sarebbe sicuramente morto nello schianto il pilota a bordo ma non è ancora chiaro se vi fossero altri passeggeri o se qualche sventurato passante sia stato travolto dal piccolo mezzo in caduta libera. Il pilota morto nella sciagura aerea sopra il Mantovano sarebbe proveniente dalla provincia di Reggio Emilia e secondo le prime testimonianze sarebbe stato un guasto a far bloccare l’elica, escludendo perciò ogni pista di probabile “atto intenzionale”.

ELICOTTERO PRECIPITATO A PECOGNAGA (MANTOVA)

Sul posto stanno accorrendo i soccorsi: ambulanze, carabinieri e vigili del fuoco e anche un elicottero del 118: dall’Azienda Regionale Emergenza Urgenza (AREU) il messaggio ancora parziale recita «Caduto elicottero non sanitario a Pegognaga. Aggiornamenti appena possibile». Secondo La Voce di Mantova, il pilota sarebbe un 38enne di Reggio Emilia che si sarebbe trovato in difficoltà completa dopo un guasto occorso al motore del suo elicottero: si trattava di certo di un velivolo civile e l’avaria meccanica sarebbe giunta troppo all’improvviso anche per poter avvisare soccorsi e aiuti nei cieli sopra Pecognaga. Il mezzo di colore blu è precipitato sopra gli alberi vicino ad un capannone, riporta Rai News, altrimenti il bilancio del terribile incidente avrebbe potuto essere assai più grave e devastante.

© RIPRODUZIONE RISERVATA