GIUSEPPE MORGANTE SFREGIATO: VIDEO LE IENE/ All’ex “vuoi buttarmi l’acido in faccia?”

- Emanuela Longo

Giuseppe Morgante, sfregiato con l’acido dall’ex fidanzata Sara Del Mastro: le minacce e la domanda choc prima dell’agguato

Giuseppe Morgante
Giuseppe Morgante (Le Iene)

Giuseppe Morgante, il giovane sfregiato da Sara Del Mastro, è ancora in terapia intensiva. Le Iene trasmetteranno domenica l’intervista registrata appena pochi giorni prima dell’aggressione con l’acido dopo mesi di stalking e minacce neanche tanto velate. Nell’intervista a Veronica Ruggeri, Giuseppe aveva raccontato di aver chiesto alla sua ex, senza mezzi termini, se avesse mai potuto fare quello che poi ha fatto: “Vuoi buttarmi in faccia l’acido?”, le avrebbe chiesto in risposta alle sue parole. La donna infatti era solito dirgli: “Tu devi passare quello che passo io”. Sara, dopo la fatidica domanda, gli rispose che non gli avrebbe mai potuto fare del male. Eppure il giovane ai microfoni de Le Iene aveva raccontato quanto subito già prima dell’aggressione: “Mi segue, oppure trovo la sua macchina appostata dalle 2 del pomeriggio fino alle 9 di sera”. Un episodio particolare raccontato da Giuseppe mette però i brividi: “Si è girata verso mio fratello gemello pensando fossi io e gli ha detto ‘Tu mi hai rovinato la vita e ti ammazzo’ con il coltello in mano”. (Aggiornamento di Emanuela Longo)

L’INTERVISTA POCHI GIORNI PRIMA DELL’AGGRESSIONE

Si chiama Giuseppe Morgante il giovane che lo scorso martedì è stato vittima di un’aggressione con l’acido da parte della sua ex, Sara Del Mastro, 38enne di Legnano. Nei giorni precedenti all’aggressione, la trasmissione Le Iene aveva raccolto la sua testimonianza choc ed il servizio sarebbe dovuto andare in onda proprio la sera in cui è rimasto sfigurato. I primi di aprile, il programma di Italia 1 aveva ricevuto la sua denuncia e Veronica Ruggeri si era recata a Legnano per raccogliere la sua storia, vittima di stalking e finita nel modo peggiore. “Io le dico ‘da me cosa vuoi alla fine?’. Fa: ‘ti odio, tu devi passare quello che passo io’”, ha raccontato Giuseppe ai microfoni de Le Iene. Era il 26 aprile scorso quando la trasmissione ha raccolto le sue dichiarazioni, esattamente una settimana dopo la sua denuncia. Il servizio sarà trasmesso la prossima domenica 12 maggio in prima serata. Dietro la storia di Giuseppe, la folle ossessione di Sara con la quale aveva avuto una breve relazione durata poco più di un mese e mezzo. Dopo aver deciso di lasciarla la donna aveva iniziato a perseguitarlo con telefonate e messaggi: “Mi si scaricava la batteria perché avevo 800 chiamate al giorno. Sono arrivato a bloccarla sul telefono”. Non solo: Sara gli avrebbe anche bucato più volte le gomme della macchina. “Ne ho cambiate 11 in quattro mesi. Se tu passi sotto casa mia trovi lei che gira incappucciata”, aveva spiegato.

GIUSEPPE MORGANTE SFREGIATO CON L’ACIDO A LEGNANO

Incalzato dall’inviata Veronica Ruggeri, Giuseppe Morgante, pochi giorni prima dell’agguato con l’acido aveva negato di avere paura di Sara Del Mastro: “Io non ho paura di questa persona. Cioè sì, ti guardi intorno un attimo quando scendi. Ma non ho paura. Però non so cosa le frulla per la testa, il suo perché muoversi così”, aveva commentato. In realtà Giuseppe, che alla iena si era dimostrato molto tranquillo, lo avrebbe fatto solo per tranquillizzare la sua famiglia. La paura c’era, al punto che il giovane aveva già denunciato Sara ai carabinieri. Lei, infatti, non aveva mai smesso di seguirlo, “oppure trovo la sua macchina appostata dove lavoro io, dalle due del pomeriggio fino alle nove di sera”, aveva spiegato. Ed è proprio fuori dal posto dove lavora, che Giuseppe è stato aggredito con l’acido nei giorni scorsi. Ora il ragazzo si trova all’ospedale di Legnano, in attesa di essere trasferito al Niguarda, in gravi condizioni, a causa delle pesanti ustioni al petto e rischia di perdere l’uso di un occhio. La donna, invece, ascoltata anche lei da Le Iene, si è consegnata alla stazione dei carabinieri di Legnano ed è in arresto per lesioni personali gravissime e stalking.



© RIPRODUZIONE RISERVATA