Incendio Roma, si salva nudo sul cornicione/ Video choc, aveva appiccato lui il fuoco

- Niccolò Magnani

Incendio in appartamento a Roma: ragazzo seminudo sdraiato su cornicione si salva dal rogo che aveva appiccato lui. Il video choc e il salvataggio

Si salva da incendio a Roma
Si salva da incendio a Roma (frame da video Corriere della Sera)

Un incendio e un salvataggio choc e diversi minuti in diretta video passati col brivido ma alla fine il ragazzo visto seminudo sul cornicione dell’appartamento al quarto piano di Via Niso – al Tuscolano – nella periferia di Roma, si è salvato. Un pomeriggio di piena follia quanto osservato tra le 18 e le 20 nella Capitale con i vigili del fuoco entrati in azione per domare un vasto incendio scoppiato nell’abitazione al quarto piano di un palazzo poi completamente evacuato. L’impressionante video diffuso dal Corriere della Sera vedeva come protagonista A.V., 22enne da tempo in cura al Centro di igiene mentale del Tuscolano, nudo e disteso sul cornicione per salvarsi dalle fiamme che fuoriuscivano da tutte le finestre dell’appartamento. Le immagini choc hanno fatto il giro del web con diversi minuti di terrore per scoprire se davvero quel ragazzo terrorizzato ce l’avrebbe fatta a salvarsi: spiega ancora il CorSera, «I vigili del fuoco lo hanno riportato a terra con l’autoscala fra gli applausi della folla che si era radunata davanti al palazzo incoraggiando il ragazzo affinché rimanesse tranquillo e non si lasciasse andare di sotto, come sembra abbia tentato di fare in passato».

SI SALVA SUL CORNICIONE, MA ERA LUI L’AUTORE DELL’INCENDIO

Si è poi scoperto solo in un secondo momento che non solo era inquilino di quella casa ma che l’incendio devastante era stato lui stesso ad appiccarlo: il 22enne è stato poi trasportato in ospedale e gli inquilini, a tarda serata, fatti tutti rientrare nei loro appartamenti dopo il grande spavento. Era stato quel ragazzo a dare fuoco all’armadio in camera da letto dove pare il cane era rimasto intrappolato: a quel punto, con le fiamme che divampavano, lui senza urlare si è affacciato alla finestra, è uscito e si è sdraiato mezzo nudo sul cornicione strettissimo dal 4 piano di altezza. Denunciato per incendio doloso, potrebbe essere indagato anche per maltrattamento di animali con il cane che risulta morto nel maxi rogo: con molta probabilità il ragazzo sarà ora ricoverato in una struttura sanitaria specializzata in casi psichiatrica.



© RIPRODUZIONE RISERVATA