Milano, 17 arresti per droga/ Traffico internazionale di stupefacenti

Milano, 17 arresti per droga: tutti marocchini accusati di traffico di stupefacenti

Spaccio di droga a Lodi: arrestati spacciatori
Carabinieri (immagine di repertorio)

Nuovo importante colpo delle forze dell’ordine di Milano nei confronti della guerra alla droga. Come riferiscono in queste ultime ore i principali quotidiani online, la polizia di stato ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di 17 persone, indagate per traffico internazionale di sostanze stupefacenti. Gli arrestati non sono di origini italiane, essendo tutti marocchini, una rete criminale dedita allo spaccio che è stata sgominata grazie all’ottimo lavoro degli inquirenti. I poliziotti della squadra mobile della Questura di Milano sono riusciti, dopo un’accurata attività di indagine, a portare alla luce un gruppo di malviventi che operava attraverso diverso cellule di trafficanti di droga, sia in quel di Milano quanto in tutto l’hinterland del capoluogo milanese, importando ingenti quantitativi di stupefacenti dall’estero, e distribuendoli poi nelle piazze e nei parchi meneghini e della provincia.

MILANO, 17 ARRESTI PER DROGA

In base alle prime indiscrezioni emerse dopo gli arresti, il gruppo di 17 importava la cocaina dall’Olanda, mentre dal Marocco veniva importata l’hashish (il Marocco è noto per avere piantagioni di cannabis sparse un po’ ovunque), e quindi rivenduti in Italia, in quel di Milano. L’indagine è stata lunga, complessa e articolata, essendo iniziata addirittura tre anni fa, nei primi mesi del 2016, dopo che gli inquirenti si erano concentrati, come sottolinea l’edizione online de Il Giorno, sull’attività di un cittadino marocchino sospettato appunto di trafficare stupefacenti in Lombardia. Gli agenti della squadra mobile meneghina hanno effettuato 8 arresti in flagranza di reato, e sequestrato 24 chilogrammi di cocaina, mezzo chilo di eroina e 262 kg di hashish. Le misure di custodia cautelare in carcere sono state emesse dal gip del tribunale di Milano, Anna Calaibi, su richiesta del sostituito procurato milanese, Luigi Luzi. Nelle prossime ore sono attesi ulteriori dettagli sul nuovo blitz delle forze dell’ordine, l’ultimo capitolo della guerra allo spaccio nelle piazze italiane.



© RIPRODUZIONE RISERVATA