SESTO, DONNA SGOZZATA IN CASA/ Figlio arrestato per omicidio: ecco come è andata

- Davide Giancristofaro Alberti

E’ stato arrestato il figlio della donna uccisa martedì a Sesto San Giovanni: è accusato di omicidio

verona
Immagine di repertorio (LaPresse, 2019)

La donna uccisa a Sesto San Giovanni nella serata di martedì, è stata uccisa quasi sicuramente dal figlio. Il ragazzo, poco più che 20enne, era risultato irrintracciabile subito dopo la scoperta del cadavere, poi trovato a Cinisello Balsamo nel pomeriggio di ieri, fermato dopo aver tentato una breve fuga. Il giovane è stato portato in caserma per un interrogatorio e dopo poche ore è stato arrestato con la gravissima accusa di omicidio volontario. Corrado Badagliacca, così si chiama il ragazzo, voleva i soldi per drogarsi, ma la madre si era rifiutata di darglieli e lui, d’impeto, ha tagliato la gola alla donna, infliggendole poi una serie di colpi con un cavatappi. A indirizzare gli inquirenti verso il ragazzo, i filmati delle telecamere di sorveglianza presenti nei pressi dell’appartamento dove è avvenuto l’omicidio, in via Sicilia 60: il ragazzo usciva di casa attorno alle 17:30, l’ora in cui sarebbe stato commesso l’efferato omicidio. Corrado se ne è andato lasciando gli effetti personali in casa, chiaro indizio di come lo stesso puntasse a non farsi rintracciare. I genitori erano preoccupati da tempo per il loro figlio, affetto da gravi disturbi comportamentali: la mamma non ha fatto in tempo a salvarlo, e soprattutto, a salvare se stessa. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

SESTO, DONNA SGOZZATA IN CASA: FERMATO IL FIGLIO

E’ stato rintracciato il figlio della donna di 50 anni uccisa nella serata di ieri in quel di Sesto San Giovanni, periferia di Milano. Come riferito poco fa dall’agenzia Ansa, il 21enne è stato fermato a Cinisello Balsamo, a pochi chilometri da Sesto, poco prima di aver tentato una breve fuga alla vista dell’auto dei carabinieri. Il giovane è stato portato in caserma per essere sentito, e capire il suo eventuale coinvolgimento con la morte della madre. Il pm titolare dell’indagine, Alessandro Pepè, non ha emesso alcun provvedimento nei confronti del giovane ma al momento sembrerebbe essere l’unico vero indiziato, per lo meno, stando a quanto emerso in queste ultime ore. Il giovane è stato visto uscire un’ora prima del ritrovamento del cadavere dal proprio appartamento, ed inoltre pare che lo stesso fosse un tossicodipendente. C’è poi una grande domanda che non trova risposta. Come mai è scomparso dopo la morte della mamma, quando avrebbe dovuto restare in famiglia a seguito di questo grave lutto? La sensazione è che gli inquirenti proveranno a mettere sotto torchio il ragazzo per capire se sia stato veramente lui ad uccidere o meno la 50enne trovata senza vita con una profonda ferita alla gola. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

SESTO, DONNA SGOZZATA IN CASA: FERMATO IL FIGLIO

A Sesto San Giovanni, in provincia di Milano, una donna è stata trovata sgozzata nel suo appartamento. Come scrive l’edizione online de Il Giorno, il cadavere è stato rinvenuto nell’appartamento di via Sicilia 60, e gli inquirenti non escludono per ora alcuna pista, in particolare l’omicidio e il suicidio. La vittima, la 49enne Lucia Benedetto, è stata ritrovata con una ferita d’arma da taglio al collo, che sarebbe compatibile con un colpo auto-inflitto ma anche con un fendente da dietro. Il cadavere è stato rinvenuto poco prima delle ore 19:00 dal marito, dopo che lo stesso era rientrato dal lavoro: interrogato per ore dalle forze dell’ordine, il 54enne sembrerebbe essere totalmente estraneo ai fatti, visto che lo stesso è stato tutto il tempo al lavoro come confermato da colleghi e datori. Piccolo giallo invece attorno al figlio di 21 anni, visto che, come scrive Il Giorno, alla mezzanotte di ieri non era stato ancora rintracciato. In base ad un primo rilievo presso l’appartamento, non sono stati trovati segni di effrazione e nulla di fuori posto, di conseguenza non sembrerebbe trattarsi di una rapina andata male: l’eventuale carnefice conosceva la vittima e si è fatto aprire la porta dalla stessa. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

SESTO, DONNA MORTA IN CASA CON UNA COLTELLATA

Giallo a Sesto San Giovanni, periferia di Milano, dove una donna è stata trovata senza vita nel suo appartamento. Come riferisce l’edizione online di TgCom24.it, la vittima si chiamava Lucia Benedetto e aveva 50 anni. Gli inquirenti stanno indagando per cercare di capire le cause della morte, ma sul cadavere sono stati rinvenute evidenti ferite da coltellate, una situazione che fa pensare più ad un omicidio che a un suicidio. A trovare la donna è stato il marito, di anni 55, che per il momento non è indagato e risulta essere estraneo ai fatti. La coppia non ha precedenti ed ha un figlio di 21 anni, che quando il padre è rientrato nell’appartamento ed ha trovato la moglie, attorno alle ore 18:50 di ieri, non era in casa. In base ad una prima indagine si tratterebbe di una famiglia normale come tante altre, non problematica, e di conseguenza si sta cercando di capire se si sia trattato di una rapina o magari di un tentativo di violenza finita male.

MILANO, 50ENNE TROVATA SENZA VITA IN CASA

La vittima presentava una profonda ferita di arma da taglio al collo, probabilmente quella mortale, ma sarà solo l’autopsia disposta dal magistrato di turno a stabilire con esattezza le cause del decesso della 50enne. Le indagini sono coordinate dalla procura di Monza, e gli inquirenti stanno procedendo con l’acquisizione dei filmati delle telecamere di videosorveglianza della zona, per capire se vi sia qualche movimento sospetto, nonché analizzando le ultime chiamate e gli ultimi messaggi della donna e dei suoi famigliari. Le ipotesi al vaglio sono due, suicidio oppure omicidio da parte di qualcuno che aveva modo di accedere all’appartamento della Benedetto, visto che sulla porta non sono stati trovati segni di scassinamento, di conseguenza l’eventuale omicida aveva la chiave oppure conosceva la vittima. L’arma del delitto, un coltello, sarebbe stato rinvenuto accanto al corpo della donna.

© RIPRODUZIONE RISERVATA