Nuovo codice della strada approvato/ Stretta sugli smartphone e sull’alcol

Nuovo codice della strada, stretta sugli smartphone alla guida: inasprite le sanzioni

milano traffico auto lapresse1280
Traffico auto(LaPresse)

E’ stato approvato il nuovo codice della strada, l’insieme di norme che regolamento la guida di ogni mezzo su strada e il comportamento che automobilisti, motociclisti e autisti in generale, devono tenere durante la marcia. Obiettivo delle autorità, inasprire le sanzioni, a cominciare da quelle riguardanti l’utilizzo di smartphone e non solo. Viene infatti introdotto il divieto di “smartphone, computer portatili, notebook, tablet e dispositivi analoghi che comportino anche solo temporaneamente l’allontanamento della mani dal volante”, che comporterà una sanzione che passa dall’attuale forbice 161-647 euro, a 422-1.697, con l’aggiunta della sospensione della patente di guida da 7 giorni fino ad un massimo di due mesi. Nel caso in cui un guidatore dovesse compiere la stessa violazione entro i successivi 24 mesi, riceverà un’altra multa di egual valore, con la sospensione della patente di guida da uno fino a tre mesi. Raddoppiati anche i punti tolti dalla patente, dai precedenti 5 a 10. Tra le altre novità, interessante l’introduzione dei parcheggi gratis per le vetture destinate ai disabili, mentre chi parcheggia sugli spazi destinati ai diversamente abili oppure sui marciapiedi, subirà una sanzione più elevata rispetto al passato, e gli verranno tolto più punti rispetto al precedente codice della strada.

NUOVO CODICE DELLA STRADA APPROVATO

Sono comunque diverse le modifiche al codice, come ad esempio l’introduzione del limite di durata minima della luce semaforica gialla, cinque secondi, inoltre, gli scooter 120cc potranno circolare su autostrade e strade extraurbane. Aumenta la durata del foglio rosa, dai precedenti sei mesi, ai 12, e viene introdotta la “strada scolastica”, prevista appunto nei pressi degli istituti, con un limite massimo di velocità di 30 chilometri all’ora. Le strisce rosa verranno invece riservate non solo alle donne in gravidanza, ma anche a coloro che avranno un figlio di età compresa o inferiore ai due anni. Abolito l’obbligo delle luci di posizione e anabbaglianti durante il giorno, mentre nella segnaletica stradale arrivano i messaggi sociali e di sensibilizzazione. Inasprite infine le sanzioni amministrative nei confronti di coloro che risultano essere positivi al test di alcol e droga: da un minimo di 170 euro, ad un massimo di 676.



© RIPRODUZIONE RISERVATA